È l’uomo più anziano al mondo: ben 146 anni sulle spalle, una cifra che fa venire le vertigini solo a leggerla. Oggi ha deciso di svelare il segreto per vivere bene e più a lungo. E se lo dice lui…


 

Una cifra inimmaginabile e che si fa fatica solo a pronunciare se riguarda l’età di una persona, di un essere umano: 146 anni. “Il segreto è semplicemente la pazienza”: sarebbe questa la ricetta della longevità indicata da Mbah Gotho, l’indonesiano che ha appena spento 146 candeline. Se i documenti all’anagrafe non mentono, sarebbe l’uomo più anziano di sempre, battendo anche il record segnato dalla centenaria francese Jeanne Calment, morta all’età di 122 anni. Gotho, originario della zona centrale dell’isola di Giava, sarebbe nato il 31 dicembre 1870: anche se esistono dei documenti tangibili, il condizionale è d’obbligo, ma fonti ufficiali indonesiane hanno confermato la data. Dal 1992 si starebbe preparando alla morte: un momento che non è ancora arrivato, anche se – ammette – “la tomba è già pronta”. Il centenario trascorrerebbe, a detta dei nipoti, tutto il giorno ad ascoltare la radio perché i suoi occhi sono troppo deboli per riuscire a guardare la tv. (Continua a leggere dopo la foto)

 

La forza di volontà, però, non gli manca: attorniato dai parenti, accorsi per festeggiarlo, sembrerebbe aver spento le candeline tutte in un solo soffio. I Supercentenari sono persone che hanno varcato la soglia dei 110 anni di età. Ciò accade all’incirca in un caso su 1.000 centenari, come appurato da vari studi scientifici. Numerosi casi da vari paesi del Mondo, dichiaranti età notevoli e spesso improbabili, finiscono periodicamente sulla stampa internazionale, ma solo una parte di essi è verificabile, in quanto corredata di documentazione anagrafica completa e indubbia. È compito di numerosi organismi internazionali come il Gerontology Research Group verificare ogni singolo caso cercandone un riscontro oggettivo nei registri anagrafici locali.

(Continua a leggere dopo le foto)

 




 

Circa 2.000 casi sono stati finora documentati nella storia, per gran parte vissuti nel secondo dopoguerra in Europa Occidentale, in Nord America e in Giappone, essenzialmente per ragioni di maggiori facilità di accesso e/o accuratezza delle registrazioni anagrafiche nei Paesi di tali aree. La persona più longeva mai verificata al Mondo è stata Jeanne Louise Calment, nata il 21 febbraio 1875 ad Arles (Francia) dove morì il 4 agosto 1997 all’età di 122 anni e 164 giorni. Dal 12 maggio 2016 la Decana dell’umanità è per il Guinness dei primati l’italiana Emma Morano vedova Martinuzzi di anni 117, nata il 29 novembre 1899 a Civiasco (Piemonte) e residente a Verbania (Piemonte).Dal 2 aprile 2013 la Decana d’Italia è Emma Morano. È l’italiana più longeva mai verificata dal 13 agosto 2015, giorno in cui raggiunge l’età di morte di Dina Guerri vedova Manfredini, nata il 4 aprile 1897 a Pievepelago (Emilia-Romagna) e morta il 17 dicembre 2012 a Johnston (Iowa, USA) a ben 115 anni e 257 giorni. Dina Guerri Manfredini resta ad oggi anche l’emigrata italiana più longeva, riconosciuta anche lei Decana dell’umanità dal Guinness dei primati. L’uomo italiano più longevo mai verificato è stato Antonio Todde, nato il 22 gennaio 1889 a Tiana (Sardegna), dove morì il 3 gennaio 2002 all’età di 112 anni e 346 giorni. L’attuale Decano uomo d’Italia è Valerio Piroddi di anni 111, nato il 13 novembre 1905 a Villamassargia (Sardegna) e residente ad Assemini (Sardegna).

 

Ti potrebbe interessare anche: “È questo il paese italiano in cui si muore dopo i 100 anni”. Arrivano gli esperti dall’estero e restano stupiti: “Ecco qual è il segreto della loro longevità”. Dove si trova e cosa succede in quel luogo