A 8 anni litiga con la sorella e i genitori lo chiudono in camera, poi la tragica scoperta…


 

Si è impiccato al suo lettino a castello dopo aver litigato con la sorellina. È accaduto Pontypool, in Galles. Come riporta il Mirror, Christopher Furniss-Roe, 8 anni, quel pomeriggio, dopo essere tornato da scuola, aveva litigato con la sorellina nel cortile di casa a causa di un secchiello da spiaggia rotto. Per punizione i genitori gli avevano detto di andare in camera, ma poco dopo lo hanno trovato impiccato al letto. Per il bimbo non c’è stato niente da fare, il giorno dopo i genitori hanno deciso di staccare la spina. Secondo gli inquirenti Christopher non avrebbe avuto intenzione di uccidersi: “Probabilmente – dicono – ha finto di impiccarsi per ottenere il perdono, ma tutto è finito tragicamente”.

Potrebbe anche interessarti: “Non sei tu il padre di nostro figlio”. La verità per lui è troppo grande. E s’impicca







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it