Isis, orrore senza fine: decapitato per stregoneria: “Vendeva collanine…”


 

Ancora orrore parlando di Isis. Hanno reso noto, tramite i loro canali, che un uomo è stato decapitato perché accusato di stregoneria. L’esecuzione è avvenuta nei pressi di Tikrit, in una piazza centrale, mentre una folla assisteva all’atroce spettacolo.

(continua dopo la foto)



Le immagini sono state poi condivise sui social media e mostrano la vittima in un lago di sangue. Dopo essere stato legato e bendato, il boia gli ha tagliato la testa con un machete. E’ la stessa posizione in cui Jihadi John ha giustiziato gli ostaggi inglesi e americani. L’uomo è stato accusato di vendere perline e bracciali come porta fortuna. Un atto molto grave per i jihadisti che condanno ogni tipo di reato con la stessa punizione.

Ti potrebbe anche interessare: Ecco “Jihadi John”, il boia dell’Isis, quando era un bambino “angelico”…