La jihadista: io la prima a uccidere un occidentale


Khadijah Dare, 22 o 23 anni, è considerata tra le combattenti più feroci che integrano le fila dell’Isis. E ci ha tenuto a sottolinearlo lei stessa attraverso il suo profilo twitter, informando di voler essere la prima jihadista donna a uccidere un britannico o un americano. La terrorista è però tra le leve occidentali della jihad, essendo originaria di Lewisham, a sud di Londra. Secondo i quotidiani britannici sarebbe arrivata in Siria nel 2012 a fianco di suo marito di origini turche (ma proveniente dalla Svezia) anche lui combattente di Isis, Abu Bakr. E lui su twitter avverte che «tutti i giornalisti cani a caccia di ossa verranno bloccati». Una notizia che conferma la dimensione del nuovo terrorismo globale, che può disporre di persone con passaporto occidentale perché nate europee o perché figli dell’emigrazione verso l’Europa. Gli investigatori britannico ritengono che Khadijah Dare frequentava il centro islamico del suo quartiere dopo essersi convertita all’Islam durante l’adolescenza. Nelle sue apparizioni internet invita le altre donne a unirsi all’Isis.