Isis, giustiziati 1700 soldati e gettati in fosse comuni. Il racconto dell’unico superstite…


 

Nuove terribili e sconcertanti novità riguardo l’Isis. Da mesi si cercavano circa 1700 soldati catturati dagli uomini di Al-Baghdadi in Iraq e solo ora è noto che sono state scoperte delle fosse comuni contenenti tutti i corpi. Siamo vicino a Tikrit, la città nell’Iraq settentrionale che l’esercito di Baghdad e le milizie sciite hanno liberato dallo Stato Islamico.

(continua dopo la foto)







Lo riporta la Cnn precisando che i cadaveri corrisponderebbero a quelli dei soldati giustiziati dall’Is dopo averli catturati a giugno davanti a Camp Speicher, base militare irachena vicino a Tikrit. La Cnn riferisce poi di almeno dieci fosse comuni scoperte all’interno del complesso del palazzo presidenziale appartenuto all’ex dittatore Saddam Hussein e trasformato dall’Isis in quartier generale in città. Che siano proprio quei soldati lo conferma uno di essei, miracolosamente sopravvissuto fingendosi morto.

(continua dopo la foto)




Ha spiegato alla Cnn che l’Is ha catturato i militari davanti a Camp Speicher e li ha fatti marciare fino al complesso del palazzo presidenziale, dicendo loro che sarebbero stati liberati nell’ambito di uno scambio di prigionieri. Una volta dentro il compound, i soldati sono stati divisi in piccoli gruppi, giustiziati e seppelliti in fosse comuni, ha raccontato il sopravvissuto, che dice di essere stato gettato in un fiume creduto morto. Non è ancora chiaro come questi soldati siano stati catturati dall’Isis. I famigliari dei 1700 denunciano che hanno ricevuto l’ordine di abbandonare la base e avvicinarsi a Baghdad, disarmati e in abiti civili. Il ministero della Difesa, però, smentisce, affermando che questi uomini avevano disertato. Proprio in queste ore, nel frattempo, alcuni soldati stanno piangendo i loro compagni tirati fuori uno ad uno e seppelliti di nuovo con una degna sepoltura.

Ti potrebbe anche interessare: Cittadino italiano arrestato in Iraq, voleva arruolarsi nell’Isis

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it