“Lubitz non era in volo, il suo cadavere era nel bagagliaio dell’auto…”


 

Un interessante articolo di Libero Quotidiano elenca una per una le motivazioni dello schianto dell’Airbus in Francia secondo i complottisti. C’è da dire, per dover di cronaca, che alcune fanno sorridere, altre invece più elaborate, fanno pensare ad una vera a propria equipe di esperti pronta, ad ogni tragedia, ad elaborare delle fantasiose motivazioni complottistiche. 

(continua dopo la foto)







E così il copilota Andreas Lubitz, che per la procura francese avrebbe volutamente fatto schiantare l’aereo, secondo un nutrito esercito di dissennati che si annida sul web non si trovava a bordo dell’Airbus 320 della Germawings. I fanatici della rete non hanno voluto accontentarsi della realtà ufficiale ma hanno diffuso sui social delle teorie davvero fantasiose. Una su tutte: per alcuni di loro infatti, il corpo di Lubitz sarebbe stato ritrovato chiuso all’interno del bagagliaio della sua auto nell’aeroporto di Barcellona, e per avvalorare la tesi è stata citata anche la Cbs, ma nessun media ha mai divulgato una notizia del genere. Eppure loro ne sono convinti: a sostegno del nuovissimo scoop ci sarebbero anche i video di sorveglianza dell’aeroporto che avrebbero potuto mostrare l’equipaggio al momento dell’imbarco,ma questi ultimi non sarebbero mai stati rilasciati. 

Clicca “next” per tutte le altre tesi complottistiche

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it