Aereo caduto, la novità scioccante: “Il copilota Lubitz era in cura per istinti suicidi”


 

Una nuova – e sconcertante – novità sull’incidente aereo provocato da Andreas Lubitz, il copilota del volo Germanwings schiantatosi sulle Alpi francesi. Emerge che prima di iniziare la carriera professionale di pilota era stato classificato come “a rischio suicidio” ed era per questo in terapia. A renderlo noto è la procura di Duesseldorf. Lubitz” prima di ottenere il brevetto di volo  era stato sottoposto a sedute di psicoterapia per un tentativo di suicidio”.

Tuttavia, come ha aggiunto il procuratore della città tedesca, “non ci sono prove che il copilota abbia annunciato precedentemente le proprie intenzioni e non abbiamo trovato lettere che contengano una confessione da parte del copilota”. C’è, comunque, una precisazione importante, anche se forse non sufficiente ad attenuare lo sconcerto delle famiglie delle vittime e dell’opinione pubblica. Secondo quanto comunicato dagli stessi magistrati di Dusseldorf, “il trattamento psicoterapeutico era stato comunque concluso prima dell’inizio del percorso che lo ha portato alla licenza di volo professionale”.

Aereo, ecco la donna che può risolvere il giallo del gesto folle del pilota suicida