Aereo caduto, “è stato il copilota chiuso in cabina, voleva distruggere l’aereo”


 

Il copilota dell’A320 della Germanwings precipitato nel sud della Francia ha azionato il bottone che comanda la perdita di quota dopo essersi rifiutato di aprire la porta della cabina. Lo afferma il procuratore di Marsiglia, Brice Robin. I motivi del gesto sono totalmente ignoti, ha aggiunto. Già nella mattinata si era saputo che «l’indagine sulla sicurezza aerea si sarebbe potuta presto trasformare in un’indagine criminale». Lo aveva detto un esperto intervistato dal quotidiano francese Le Figaro. Prime indiscrezioni, inoltre, sull’identità dei piloti. Secondo la Bild, tedeschi: Patrick S., il comandante di bordo, padre di due bambini, sarebbe originario di Düsseldorf. Il copilota Andreas L., di Montabaur (Renania-Palatinato). Nella notte, rivelazioni del New York Times avevano già fatto emergere che, nei tragici minuti prima dello schianto uno dei due piloti era chiuso nella cabina e l’altro cercava inutilmente di entrare.

Disastro aereo, la (terribile) chiave del mistero: “Un pilota è rimasto fuori dalla cabina”

Disastro aereo, ecco il vero giallo: chi era il passeggero “segreto”? E la fretta dei 3 presidenti…

Disastro aereo, nessun guasto. Ipotesi choc: “Non esclusa la volontà di farlo precipitare”