Trapianto urgente, Ryanair nega al bimbo l’imbarco e lui perde il fegato. Ecco che è successo


 

Lo aspettavano a Madrid per un trapianto di fegato atteso da tempo. Ma il piccolo di 8 anni non ha potuto raggiungere l’ospedale La Paz. Lui vive alle isole Canarie e Ryanair non lo ha fatto salire sull’aereo prenotato: il personale di terra dell’aeroporto di Gran Canaria ha impedito a padre, madre e figlioletto di imbarcarsi perché si sarebbero presentati troppo tardi al gate. E quell’organo disponibile è stato reinserito nella lista a disposizione di altri pazienti.

Secondo i dipendenti della compagnia low cost, i tre si sono presentati all’imbarco troppo a ridosso della partenza e, comunque, oltre i venti minuti precedenti il decollo, che di solito vengono consentiti. Alla fine i tre passeggeri hanno preso un volo Air Europa, partito 70 minuti dopo quello su cui non erano riusciti a salire. Al momento non si conoscono le condizioni di salute del bambino, mentre il personale dell’ospedale madrileno, ha comunicato che a causa di questa situazione la disponibilità di quell’organo per il bambino rischiava di essere rivista in virtù delle esigenze di altri pazienti in lista d’attesa.

Da parte della compagnia, un portavoce fa sapere: “Abbiamo esaminato la situazione che si è verificata ma purtroppo non eravamo in grado di far salire i signori sul nostro volo, essendo troppo vicini all’orario di partenza. Abbiamo offerto tutta la nostra assistenza alla famiglia”.

Ti potrebbe interessare anche: Andare a New York con 10 euro? Non è più un sogno, la Ryanair ha annunciato che sarà possibile







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it