Terrorismo a Copenaghen, spari a un convegno sull’Islam. Un morto e due feriti


Hanno sparato all’impazzata all’interno di un bar di Copenaghen dove si trovava, tra gli altri clienti, anche il disegnatore Lars Vilks, uno degli autori delle “vignette blasfeme” su Maometto, pubblicate a settembre 2005 dal quotidiano danese Jyllands-Posten e più volte minacciato di morte. Nel locale si trovava anche l’ambasciatore di Francia, François Zimerai. Entrambi sono rimasti illesi. Ci sono però un morto civile e almeno due agenti di polizia feriti, secondo le prime ricostruzioni.

(continua dopo il foto)



Gli autori dell’agguato sarebbero due individui che dopo la sparatoria – si parla di almeno una trentina di colpi sparati – si sarebbero allontanati a bordo di un’auto scura. L’attentato sembra avere una matrice islamica. All’interno del caffè era infatti in corso un dibattito su come conciliare la libertà di espressione ed il rispetto della religioni, dopo la strage di Parigi del 7 gennaio scorso al settimanale satirico “Charlie Hebdo”, dove vennero massacrati da due qaedisti francesi di origini marocchine, 12 persone, tra cui il direttore e 3 vignettisti.

Ti potrebbe anche interessare: Paura Isis in Libia, l’ambasciata italiana: “Lasciate subito il paese”