Arriva Natale, occhio alle truffe online: ecco le 12 più comuni


Dodici truffe online spiegate una per una al fine di rendere consapevoli i navigatori su internet. La lista, stilata dall’azienda specializzata in sicurezza McAfee, contiene spiegazioni dettagliate sulle modalità utilizzate dai criminali informatici, che sfruttano tutte le tipologie di dispositivi digitali, social media e app mobile per trarre vantaggio dalla distrazione dei consumatori, soprattutto durante il periodo delle feste. In un autunno nel quale si prevede che lo shopping festivo aumenterà rispetto al 2013, raggiungendo i 616,9 miliardi di dollari, cresceranno inevitabilmente le transazioni via internet e di conseguenza le probabilità che l’utente possa venire truffato.







Di seguito la lista stilata da McAfee sulle truffe online:

C’è posta per te! – Le vendite durante i periodi festivi vengono effettuate sempre più online, e il rischio di ricevere truffe di phishing ed email che notificano spedizioni è più elevato. Sebbene il malware sia un pericolo costante, poiché durante le feste aumentano gli acquisti online, i consumatori sono più propensi a fare clic sulla notifica di una consegna o un’email di phishing ritenendola autentica.

Pubblicità ingannevoli – Nel periodo festivo tutti sono alla ricerca dei migliori affari. Bisogna tenere gli occhi aperti (e il portafoglio sotto controllo) quando si fa shopping online per acquistare i prodotti più ambiti della stagione. Link pericolosi, concorsi fasulli sui social media e tessere regalo contraffatte sono solo alcuni dei modi con cui i truffatori cercano di impossessarsi delle informazioni personali e rovinare la lieta atmosfera natalizia.

Enti benefici agghiaccianti – Questo è il periodo della beneficenza. Durante le festività, molti consumatori effettuano donazioni al loro ente benefico preferito. Purtroppo, nessuna buona azione resta impunita. Fare attenzione a enti di beneficenza fasulli con cui si può entrare in contatto via email o che vengono condivisi viralmente tramite i social media.

Serve essere acquirenti accorti – Sfortunatamente ci sono alcune truffe delle quali è impossibile evitare cadere vittime. Il malware che colpisce i punti vendita e che porta alla violazione delle informazioni delle carte di credito ricade in questa categoria. Controlla i resoconti della tua carta di credito e mantieniti aggiornato e informato per essere ben preparato.

Truffe tramite smartphone – Ogni giorno vengono create nuove app mobile per dispositivi Android e iOS. Grazie al costante sviluppo della tecnologia, il tuo dispositivo mobile può controllare la temperatura dell’abitazione, mantenerti collegato ai social media e aggiungere fantastici filtri alle tue fotografie. Anche le app festive o che sembrano ufficiali potrebbero essere pericolose e accedere alle tue informazioni personali.

Biglietti d’auguri elettronici pericolosi – I biglietti d’auguri elettronici sono divertenti, semplici e, soprattutto, ponderati. Se desideri che una persona cara ti invii un augurio di “Buone Feste”, di sicuro gli hacker cercheranno di augurarti un “Buon Malware!” I siti di e-card noti sono sicuri, ma diffida di potenziali truffe che ti fanno scaricare malware sul dispositivo.

Truffe legate ai viaggi stagionali – Durante la stagione festiva aumentano i viaggi e i truffatori online sono pronti ad approfittare del fatto che i consumatori spesso diventano meno attenti alla loro sicurezza. I link online fasulli che offrono soggiorni a prezzi vantaggiosi sono numerosi ma esiste il rischio che una volta arrivato sulla pagina lo spyware acceda alle tue informazioni collegandosi ai PC infetti.

La truffa delle telefonate automatiche dalle banche – Quando le spese nel periodo festivo aumentano e i consumatori sono a conoscenza dei possibili abusi ai loro conti bancari e carte di credito, gli hacker sono pronti ad sfruttare la situazione come opportunità. Nella maggior parte dei casi, i consumatori ricevono una telefonata fasulla da una di queste istituzioni da un “agente di sicurezza automatico” (o no) che afferma che il conto dell’utente è stato compromesso richiedendo informazioni personali tra cui la password del conto, per effettuare delle modifiche.

Skimming dei bancomat – Durante la stagione festiva, si ha spesso bisogno di denaro contante e, di solito, in fretta. I criminali possono accedere alle informazioni personali presso uno sportello bancomat installando dispositivi di skimming per rubare i dati dalla banda magnetica della carta e utilizzando una videocamera o un rivestimento sul tastierino per acquisire il codice PIN. Una soluzione semplice è quella di controllare bene il terminale e di coprire la tastiera quando si inserisce il codice PIN.

Le trappole dell’almanacco annuale – Molti nuovi servizi traggono profitto dalle vacanze creando articoli ‘Year in Review’. Le aziende dovrebbero informare i propri dipendenti dei rischi derivanti dal fare clic su tali link dalla posta aziendale. I link provenienti da fonti fasulle potrebbero infettare e compromettere la sicurezza dei dispositivi aziendali.

Dispositivi che accedono ai dati aziendali – Con il trambusto delle festività, può capitare di perdere lo smartphone nella confusione. Se è un disagio per l’utente, è anche un modo per gli hacker di accedere alle informazioni personali e lavorative se non sono state adottare le misure di sicurezza appropriate.

Chiavette Usb in omaggio – Durante la stagione festiva, aumentano i cesti regalo di fornitori che desiderano mantenere la collaborazione anche nel nuovo anno. Uno degli oggetti più popolari in questi cesti sono le chiavette USB personalizzate. Fai attenzione e permetti ai tuoi dipendenti di utilizzarle, perché spesso su tali chiavette viene pre-installato del malware impercettibile.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it