“Mi manderesti delle tue foto hot?”. No, niente maniaci. Stavolta a porre la “sconveniente” domanda è Facebook stesso


 

Un’iniziativa nata con un intento nobile, in tempi come questi dove purtroppo sempre più spesso capita di vedere ragazze di ogni età finire vittime della cattiveria altrui ritrovandosi poi a fare i conti con la diffusione in rete di immagini che dovevano rimanere private. E che però ha decisamente delle modalità singolari, di quelle che difficilmente passano inosservate. Facebook sta infatti sperimentando una nuova misura per contrastare il fenomeno delle cosiddette “vendette porno”, azioni di rivalsa da parte di ex fidanzati che, una volta terminata la relazione, decidono di pubblicare su gruppi social gli scatti intimi delle vecchie fiamme, in barba alla privacy. (Continua a leggere dopo la foto)




 

Un progetto partito in Australia e lanciato dal colosso di Zuckerberg invita infatti gli utenti stessi a inviare foto di nudo allo scopo di evitare il ripetersi di casi analoghi. Nello specifico, chi ha condiviso immagini intime con i propri partner ed è preoccupato che lui o lei possa diffonderle senza consenso, può segnalare tramite Messenger le foto in questione, per far sì che vengano cancellate. L’azienda converte l’immagine in un’impronta digitale, per bloccare così qualsiasi tentativo di ripostarla successivamente. Il progetto partito in Australia, come si legge sulle pagine dell’Huffington Post, è stato possibile grazie alla collaborazione con un’agenzia governativa diretta dal commissario per la sicurezza online, Julia Inman Grant. “Spesso questi video o foto sono stati girati e scattati consensualmente, ma non c’era alcun tipo di consenso a diffonderli”, ha dichiarato Grant alla Abc, spiegando che lo scopo è quello di permettere alle vittime di far qualcosa prima che gli scatti vengano postati su Facebook, Instagram e Messenger. Prima, cioè, che sia troppo tardi. (Continua a leggere dopo la foto)




Per mettere in moto la macchina, gli utenti devono compilare un modulo online sul sito web della commissione per la sicurezza online, descrivendo le loro preoccupazioni. Saranno quindi invitati a inviare tramite Messenger le immagini che temono possano essere diffuse, mentre la commissione notifica a Facebook la loro segnalazione. Quando Facebook ottiene la notifica, accede all’immagine e la traccia, impedendo che in futuro venga caricata o condivisa. Le immagini rimarranno memorizzare nell’archivio del social network per un breve periodo di tempo, in modo da assicurarsi che la procedura venga correttamente eseguita. Poi verranno eliminate. (Continua a leggere dopo le foto)


 

 

Si tratta della naturale prosecuzione di una battaglia iniziata lo scorso aprile, quando Facebook aveva annunciato nuove misure per contrastare le “revenge porn”, un fenomeno sempre più diffuso online, salito alla ribalta delle cronache poiché legato anche a episodi finiti in tragedia. Le numerose denunce hanno spinto la creatura di Mark Zuckerberg a cercare una soluzione ed era stato per questo istituito un apposito team, con il compito di controllare e contrastare questo specifico tipo di segnalazioni. Il progetto australiano è un ulteriore passo avanti che punta ad agire in anticipo, a risolvere il problema prima ancora che si crei.

Facebook down: 8 novembre, il social non funziona. Profili e pagine, problemi soprattutto sui mobile