Addio canone Rai: il sogno di molti italiani potrebbe diventare ben presto realtà


“In attesa di fare una vera e propria riforma della Rai, vogliamo aiutare le famiglie italiane abolendo il canone”. Il nuovo obiettivo del Movimento 5 stelle è quello di abolire il canone Rai. Punteranno a ricevere nuovi introiti derivati dalla pubblicità. La proposta di legge sul tema è stata presentata il 17 Luglio 2019 al Senato da Gianluigi Paragone. Sulla proposta promossa dai pentastellati si è espresso colui che ha deciso di portarla al Senato, Gianluigi Paragone: “In attesa di fare una vera e propria riforma della Rai e del mercato pubblicitario, a partire dagli OTT, vogliamo aiutare le famiglie italiane abolendo il canone“.

Il senatore ha proseguito il suo discorso facendo leva sulla scelta dell’abolizione del canone: “Ovviamente questo comporta l’inevitabile scelta di eliminare anche il tetto pubblicitario dando il via a una vera e propria concorrenza, che oggi non c’è, tra il servizio pubblico, Mediaset, La7 e tutti gli attori privati del mercato radiotelevisivo. Questo è lo spirito del disegno di legge che ho presentato in Senato”. Continua dopo la foto



Il Movimento 5 stelle non si è limitato a proporre la legge al Senato, bensì anche alla Camera. A farlo, la deputata Maria Laura Paxia: “Ho trasmesso agli uffici della Camera la mia proposta di legge per l’abolizione del canone Rai. Ritengo che il canone sia una tassa ingiusta e per questo vada abolita. La mia proposta di legge modifica anche i limiti di affollamento pubblicitari, equiparandoli a quelli delle televisioni private. In questo modo la Rai potrebbe essere competitiva nel mercato, mantenendo sempre però la sua funzione pubblica”. Continua dopo la foto


La deputata ha inoltre aggiunto che non si tratta di un tentativo di privatizzazione: “Non è nostra intenzione privatizzare la Rai, che continuerà ad essere un servizio pubblico con il cda, l’ad e il presidente, oltre che ad essere controllata dalla commissione parlamentare per la Vigilanza Rai che, in questo momento più che mai, dovrà vigilare sull’operato della televisione pubblica. Con il taglio del canone la Rai dovrà puntare sulla qualità del servizio e non potrà finanziare i maxi stipendi con i soldi pubblici”. Continua dopo la foto


 


Scettico Michele Anzaldi, deputato Pd e segretario della commissione di Vigilanza Rai: “Lo stesso fatto che si parli di progetto di legge dimostra che non hanno le forze per farlo. Renzi in 24 ore mise il canone Rai in bolletta, facendo in modo che si pagasse di meno, ma che pagassero tutti. E’ una fuffa per non parlare dei veri problemi. E poi levi il canone e che vuole dire? La Rai e il servizio pubblico esistono per trattare tematiche che non hanno appeal. La tv pubblica serve a questo, anche se la situazione adesso è molto deteriorata, e la Rai fa poca informazione, meno dei concorrenti”.

La proposta di legge viene contestata con forza dall’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, che spiega come la Rai faccia in media il 36,5% di share con 1,7 miliardi di euro pubblici, mentre, per esempio, la Bbc fa il 31,5% di share con 4,4 miliardi di euro di soldi pubblici. In sostanza la Rai, con meno della metà dei soldi pubblici di cui dispone la Bbc, ottiene un risultato in termini di share più alto.

Ti potrebbe anche interessare: Paolo Meneguzzi: ecco che fine ha fatto l’idolo degli anni Duemila