Storia del figlio pazzo di Einstein

“La gente sostiene che sono pazzo. Io sono il figlio di Albert Einstein.” A parlare è Eduard, il figlio dolcissimo, intelligente e – tragicamente pazzo di Albert Einstein. Amato teneramente eppure abbandonato in un manicomio, è l’unico problema che suo padre non sia riuscito a risolvere. Lui – il genio matematico, il padre della più rivoluzionaria teoria scientifica degli ultimi secoli, l’ebreo scampato per miracolo all’Olocausto, il venerato professore americano, l’uomo impertinente, sempre libero e coraggioso – rimane disarmato di fronte ai primi sintomi, alla diagnosi di follia, all’ineluttabile definitività della perdita. Albert sa di essere impotente, mentre la Storia incombe su di lui e lo costringe a fare una scelta dolorosa, quella della sopravvivenza oltreoceano. Eduard ha vent’anni, ha la vivacità del padre, per il quale nutre un’ironica venerazione, e la consapevolezza di dover fare i conti con una mente troppo grande. Lo pensa, si interroga, si perde nei meandri della propria pazzia, vive fuori dal mondo. Unica figura famigliare a restargli accanto, fino alla fine, è sua madre, che lascia tutto per dedicare l’esistenza a quel ragazzo sfortunato. Padre, madre, figlio: tre voci, tre fili che si intersecano sullo sfondo del Novecento per tessere il lato oscuro nell’epopea di un gigante.