“Salta il programma”. Brutto colpo per Maria De Filippi: era tutto pronto, poi lo stop

Era stato annunciato con grande enfasi “Siamo così”, il programma tv che la Rai voleva dedicare alla giornata contro la violenza sulle donne. Doveva essere il fiore all’occhiello del palinsesto. Il titolo era abbastanza eloquente e ricalcava il testo del famoso brano di Enrico Ruggeri e Luigi Schiavone “Quello che le donne non dicono” cantato da Fiorella Mannoia nel Festival di Sanremo del 1987. Doveva essere condotto da Maria De Filippi, Sabrina Ferilli e proprio da Fiorella Mannoia. E, invece, pare tutto possa saltare a causa del Covid.

A riportare la notizia è Tv Blog che spiega come alla base dell’annullamento del programma ci sia l’emergenza Covid che stiamo vivendo tutti sulla nostra pelle in questi giorni e che avrebbe creato dei forti problemi organizzativi per questo programma. Il portale inoltre riferisce che “Rai1 però sta tentando di recuperare uno spazio in quella serata, che non sarà più il programma che si era immaginato e che avrebbe abbracciato tutta la serata del 25 novembre, ma una trasmissione più breve che comunque sottolinei l’argomento tanto importante che viene celebrato in quel giorno”. (Continua dopo la foto)


Le tre conduttrici non sarebbero state scelte a caso: infatti Stefano Coletta aveva spinto per i loro nomi sfruttando il grande legame d’amicizia che le unisce. Coletta (direttore di Rai1) si era espresso così durante la presentazione dei palinsesti televisivi autunnali: “Il 25 novembre che è la giornata nazionale contro la violenza sulle donne ho pensato che fosse necessario che la prima rete festeggiasse con tutto il mondo attraverso musica, parole e lo sguardo femminile in un incrocio di generi unico. Tre donne che sensibilizzeranno questa battaglia: Maria De Filippi, Sabrina Ferilli e Fiorella Mannoia. Non ci saranno elaborazioni retoriche. Ci saranno tre donne che metteranno in scena la loro amicizia”. (Continua dopo la foto)

“Questa dev’essere una Rai1 che manda messaggi potenti – aveva proseguito Coletta -. Credo sia la cosa più bella che abbia mai realizzato in tanti anni di Rai. Queste tre donne sensibilizzeranno su questa battaglia. Sarà una serata importante, culturalmente. Affronteremo il tema in una maniera diversa. Non ci saranno elaborazioni retoriche. Ci saranno tre donne che metteranno in scena la loro amicizia”. (Continua dopo la foto)

{loadposition intext}

Tuttavia non erano neanche mancate le polemiche dopo l’annuncio di Coletta. Ad esprimere dissenso era stato Michele Ansaldi, segretario di vigilanza della Rai: “Per la giornata contro la violenza sulle donne, Rai 1 decide di umiliare le donne Rai: lo speciale lo condurrà Maria de Filippi, simbolo della concorrenza. Senza nulla togliere a De Filippi, alla Rai mancano professionalità femminili? Questo sarebbe puntare sulle risorse interne?”.

Ilary Blasi, sembrava tutto pronto ma ora arriva una brutta notizia per la conduttrice