Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Sei stata un’ispirazione”. Tv in lutto, addio all’attrice che ha rotto gli schemi. La malattia ha vinto

morta domenica a Santa Monica per complicazioni dovute all'Alzheimer. Aveva 53 anni.

Mondo della televisione in lutto per la scomparsa dell’attrice, una delle protagoniste della serie tv di Italia Uno “Una famiglia come altre”. L’attrice ha contribuito alla rappresentanza delle persone con sindrome di Down nel mondo dello spettacolo. Uno dei suoi ruoli più famosi è stato in “Life Goes On”, una famiglia come altre, nei panni di Amanda Swanson, la fidanzata di Charles “Corky” Thacher (Chris Burke). L’attrice è morta domenica a Santa Monica per complicazioni dovute all’Alzheimer. Aveva 53 anni.

I due, alla fine della serie televisiva in onda suI Italia uno, si sono sposati. Nel corso della sua vita, l’attrice è apparsa anche in diverse serie televisive, tra cui “Baywatch”, “Chicago Hope”, “Law & Order: Special Victims Unit”, “ER”, “The Division” e “Saving Grace”, stabilendo la sua presenza in un settore in cui l’inclusione era spesso rara.

“Dobbiamo dire una cosa sul Grande Fratello”. Striscia la Notizia, il siparietto sul reality


Morta l’attrice Andrea Fay Friedman

È stata anche il soggetto del documentario del 2009 “A possible Dream: The Andrea Friedman Story”. Andrea Fay Friedman è morta domenica a Santa Monica per complicazioni dovute all’Alzheimer. Aveva 53 anni. Nel 2010 aveva doppiato un personaggio con sindrome di Down, Ellen, in un episodio di “Family Guy”.”Immagino che l’ex governatore Palin non abbia il senso dell’umorismo”, aveva scritto Andrea Friedman in risposta al New York Times .

Ha anche detto a ABC News che la Palin non ha capito la battuta e che il suo personaggio dovrebbe essere fonte di ispirazione, piuttosto che qualcuno da deridere, aveva detto la giovane dopo alcune critiche fatte dalla governatrice dell’Alaska Sarah Palin. L’ultimo progetto cinematografico dell’attrice prima della sua morte è stato il film per le vacanze di famiglia del 2019 “Carol of the Bells”, che raccontava la storia di Scott Johnson (RJ Mitte), un giovane adottato che cerca la sua madre biologica (Friedman), scoprendo poi che aveva la sindrome di Down.

A Variety di Lauren Appelbaum, Applebaum ha elogiato la rappresentazione della disabilità in quattro film.Uno di questi era “Carol of the Bells”, che, come nota, “è stato il primo lungometraggio al mondo in cui fino al 70% della troupe aveva una disabilità dello sviluppo”.

“Quando i cineasti scelgono di includere personaggi con disabilità, possono aiutare a rimuovere gli stigmi attualmente esistenti sull’interazione con le persone con disabilità”, aveva scritto Applebaum. “Ecco perché vale la pena celebrare rappresentazioni autentiche come quelle di questi film natalizi”. Al di fuori della recitazione, Andrea Friedman ha lavorato anche come assistente insegnante al programma Pathway della UCLA, un’iniziativa per gli studenti che insegna loro a vivere una vita indipendente. Lascia sorella, Katherine Holland, e suo padre, Hal Friedman.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004