“Non mi era mai capitato e mi sentivo in colpa”. Samuele dopo Amici 20: il retroscena solo ora. Lo racconta a Silvia Toffanin

Samuele Barbetta, ad Amici una vera rivelazione. Un talento nato da una grande passione, quella per la danza. Il ballerino ormai ex della scuola più gettonata d’Italia non ha fatto altro che nutrire quella passione e perfezionarsi. Passo dopo passo, Samuele è cresciuto lavorando sui suoi limiti e provando a restituire il meglio di se stesso non solo nel ballo ma anche nella vita. Lo accoglieranno le telecamere di Verissimo.

Il salotto di Silvia Toffanin è il luogo ideale dove molti Vip e aspiranti tali riescono a trovare la dimensione giusta per chiacchierare e mettere in luce aspetti ai più sconosciuti. È questo i caso dell’ex ballerino della scuola di Amici di Maria De Filippi. Samuel Barbetta siederà di fronte alla padrona di casa del programma per raccontarsi, e dettagliare quanto espresso durante l’intervista rilasciata per il settimanale Tv Sorrisi e Canzoni.


Un retroscena su cui molti fan vorranno continuare a sapere e che il ballerino ricco di talento ha rivelato a tutti così: “Avevo 12 anni e facevo calcio. A quell’epoca insieme a mia cugina Chiara, che ha la mia stessa età, abbiamo visto “Step Up”, il film che raccontava l’hip hop e la danza di strada. Ci siamo follemente innamorati del film e ci siamo iscritti a un corso di ballo in un paese vicino”.

Il futuro spesso permette di avere ancora qualche dubbio, anche quando la strada sembra essere già decisa: “Nei mesi successivi alla maturità non sapevo cosa fare della mia vita. Ho cercato di trovarmi un lavoretto, ho fatto il cameriere e il pizzaiolo, ma non ero proprio portato. Come cameriere mi hanno licenziato perché ero troppo lento ed ero ancora nel periodo di prova da pizzaiolo quando mi hanno detto: “Guarda non sei capace””.

E ancora: “Ho provato a fare l’università in modo fallimentare. Volevo fare qualcosa legato al mondo dell’arte e mi sono iscritto al Dams a Padova, ho dato un esame e l’ho passato senza studiare, ma poi ho mollato, stavo perdendo tempo. Da quell’anno lì ho cominciato a dedicare tutto il tempo all’allenamento e alla scoperta di me stesso nel mondo della danza. Ricordo un giorno che ero molto sconfortato, mi dicevo: “Devo fare qualcosa, non posso guadagnare 30 euro al mese dando lezioni di ballo”. Mia mamma venne da me e mi disse: “Abbi fiducia, vedrai che arriveranno delle soddisfazioni”.

“Che cambiamento!”. Sorpresa all’Isola, Elettra Lamborghini completamente diversa. Ma nasconde un segreto

Pubblicato il alle ore 15:46 Ultima modifica il alle ore 15:52 Tag