Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Ruffiano come uno scrittore. Scherzosa analisi dei ringraziamenti letterari

Un libro, si sa, lo firma l’autore. Ma spesso lo scrittore sente il bisogno di rendere omaggio a tutti coloro che hanno in qualche modo contribuito alla stesura e alla pubblicazione. Appostati alla fine di romanzi e racconti, i ringraziamenti sono diventati una vera e propria mania editoriale. Ma oltre a essere la sede in cui si esprime riconoscenza ad amici, editori e consulenti per il loro aiuto e i loro consigli, l’ultima pagina del libro è anche il luogo in cui, calato il sipario, l’autore può far capolino a salutare il lettore e mostrarsi per ciò che è veramente, mettere in piazza il suo retrobottega creativo e la sua vita privata. Carolina Cutolo e Sergio Garufi hanno esaminato il fenomeno dei ringraziamenti nella narrativa italiana degli ultimi vent’anni, raccogliendoli e catalogandoli per genere. Dai vendicativi agli esibizionisti, dai pragmatici ai nostalgici, dagli autori che abusano del registro aulico a quelli che ricorrono alla misteriosa formula “lui sa perché”: letti uno dopo l’altro questri estratti raccontano molto della personalità dello scrittore contemporaneo, e soprattutto sortiscono un inaspettato effetto comico.

Carolina Cutolo e Sergio Garufi
Lui sa perché
Isbn edizioni, 2014, 204 p.
Euro 14,00

 



Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004