“Devo distruggerla”. Rosalinda Cannavò, la bomba sull’ex gieffina. Smentita davanti alle telecamere

Ospite d’eccezione nello studio televisivo di Massimo Giletti. Ancora sotto i riflettori il caso dell’Aresgate con il racconto di Alberto Tarallo durante la puntata di Non è L’Arena. L’intervento del produttore mira a smentire le accuse di Rosalinda Cannavò. L’ex gieffina, infatti, non si è trattenuta dal dichiarare uva verità molto forte, forse sotto suggerimento di qualcuno.

Il riferimento del produttore Alberto Tarallo avrebbe tirato in ballo una vera e propria “setta”. E a proposito di Rosalinda Cannavò e di quanto espresso di recente in merito allo scandalo del caso Aresgate, Massimo Tarallo ha aggiunto un aspetto che potrebbe risultare determinante. Non avrebbe nei riguardi di Rosalinda Cannavò alcun rancore. Secondo il produttore la verità andrebbe cercata scavando nelle parole dell’attrice siciliana.

Massimo Tarallo Massimo Giletti Non è l'Arena Aresgate Rosalinda Cannavò

“Tutti mi dicono che devo distruggerla, ma io non riesco ad odiarla. Le ho voluto troppo bene per farle questo. La verità è che io ho delle idee molto precise. Adua è una ragazza molto fragile. Io credo che lei sia entrata in un gioco più grande di lei. Credo che lei non si sia resa conto del male che mi ha fatto ed ha fatto anche a Teo”. Questo quanto espresso da Tarallo davanti alle telecamere di Non è l’Arena.


Massimo Tarallo Massimo Giletti Non è l'Arena Aresgate Rosalinda Cannavò

Poi il produttore ha proseguito l’intervento aggiungendo: “Perché credo che Teo si stia rivoltando nella tomba in questo momento. A lei abbiamo dato solo amore e basta. Forse le hanno detto qualcosa. Qualcuno ha addirittura detto che io e Teo non stavamo più insieme. Volevano rubarmi la storia d’amore più grande della mia vita, quello che mi rimane. Teo mi ha amato fino all’ultimo istante e chi ci conosce la sa benissimo”.

Massimo Tarallo Massimo Giletti Non è l'Arena Aresgate Rosalinda Cannavò

“Non so cosa è successo quando si è allontanata da Zagarolo. Poi non so chi ha frequentato e visto. Più che sospetti io ho delle certezze, con dei fatti veri. Mi auguro che lei parli e racconti la verità. C’è qualcuno dietro. Questa è una sporca storia di soldi, una sporca storia, e forse dietro c’è una setta, ma non eravamo certamente noi”. Una verità, quella di Massimo Tarallo, che potrebbe richiedere un ulteriore chiarimento da parte di Rosalinda Cannavò.

Massimo Tarallo Massimo Giletti Non è l'Arena Aresgate Rosalinda Cannavò

Ma il produttore ha chiosato con un appunto: “Al GF Vip ha parlato di un familiare. A noi ha raccontato una cosa diversa. Ci disse che era stata invitata da un amico di scuola. Non l’ha raccontato solo a me, ma ad altra gente e lì c’era anche il padre. Io e Teo abbiamo pianto quando abbiamo saputo. Però è una storia diversa rispetto a quella emersa al Grande Fratello”.