Rai, nuova rivoluzione in arrivo: salta un altro nome pesante. E non sarà l’ultimo

La rivoluzione annunciata da Carlo Fuortes, amministratore delegato della Rai, sta prendendo sempre più piede. L’esigenza di una riflessione profonda e un nuovo modello per la televisione pubblica era stata data, a pochi giorni dalla nomina, proprio da Fuortes. “La Rai in tre anni ha peggiorato la sua situazione finanziaria di circa 300 milioni di euro. Per ripianare una cifra simile un’Azienda che non ha utili, perché di fatto non può averne e mira al pareggio, non lo so quanto ci potrà mettere”.


“Le perdite di un’Azienda come la Rai non vengono ripianate”, aveva detto. Dopo tagli eccellenti ora Fuortes si concentra sull’informazione concambi in vista nelle poltrone che attualmente guidano i Tg. Al TG1 è ormai certo l’addio di Giuseppe Carboni (area M5s per il quale i pentastellati chiedono un riposizionamento una volta lasciato il Tg1). Al suo posto tanti in nomi che ora circolano in attesa del cda che scioglierà ogni riserva.

carlo fuortes

Rai, cambia in vista non solo al Tg1

Da Monica Maggioni a Lucia Goracci, con Simona Sala terzo incomodo e a sorpresa Maria Luisa Busi che potrebbe uscire dal cilindro, visto che le sue credenziali sono in forte crescita. Un’altra donna dovrebbe prendersi la poltrona di Rai Sport (di getto verrebbe da pensare alla titolata Paola Ferrari ma sembra che in pole ci sia Alessandra Di Stefano).


giuseppe carboni


Ma non c’è solo il TG1 anche la guida del TG2 sembra in bilico. Più solida la posizione di Gennaro Sangiuliano, il direttore che più rappresenta Salvini e la Meloni, al timone potrebbe un altro candidato vicino a Fratelli d’Italia, Nicola Rao, che ambisce alla poltrona di Rai Parlamento. Quanto al responsabile dell’informazione si fa spazio il nome di Antonio Preziosi.

Leggi anche...

paola ferrari


Fuortes peò potrebbe avere altre idee optando per uno tra tre dei big Rai: Antonio Di Bella (anche se dipendesse da lui non lascerebbe mai New York). Quindi Monica Maggioni (se dovesse saltare la sua nomina al Tg1) o Mario Orfeo (che preferirebbe restare al Tg3 o puntare a qualche nomina di lustro a RaiCinema). Ora si aspetta la decisione ufficiale e gli scossoni, come i colpi di scena, potrebbero non mancare.

Pubblicato il alle ore 09:39 Ultima modifica il alle ore 09:39 Tag