Piero Angela, le sue condizioni dopo l’incidente di qualche settimana fa. “Speriamo bene”, il suo commento

Come sta Piero Angela? Qualche settimana fa l’amatissimo conduttore è stato ricoverato in ospedale a seguito di un incidente che gli ha provocato numerose fratture e contusioni. Ma come sta? Ne ha parlato in un’intervista al programma radiofonico I Lunatici. “Come sto? Ho un po’ di problemi, la settimana prossima mi tolgono il gesso – ha raccontato il conduttore di Quark – poi spero di recuperare in poco, anche se ci vorrà tempo. Sono cose lunghe e fastidiose.

Per fortuna a essersi rotto c’è il braccio sinistro, mi sono reso conto di quante cose non si possono fare senza un braccio. Ora, per esempio, dormo su una poltrona. Da quando mi sono rotto il braccio la notte non riesco ad alzarmi, ho comprato una di quelle poltrone reclinabili che si allungano e diventano un letto. Funziona bene”. Era l’inizio di novembre e il conduttore è caduto e si è rotto un braccio. Oltre alla frattura dell’arto, Piero Angela ha riportato contusioni alla spalla, al polso, all’avambraccio. Continua a leggere dopo la foto


Piero Angela, a causa di quell’incidente, è stato ricoverato presso l’ospedale Sant’Andrea di Roma e ha dovuto portare un grosso gesso. Nell’intervista a I Lunatici, Piero Angela ha parlato delle sue condizioni di salute e della sua ripresa. “Speriamo bene, qui non si sa mai, ma credo di aver superato tutti gli ostacoli. La testa funziona. Mia sorella ha 92 anni e sta perfettamente, non ha nessun problema. Spero che la genetica sia quella, che ci aiuti” ha detto il conduttore. Continua a leggere dopo la foto


E la morte, che rapporto ha con essa Piero Angela? Lui non ha paura: “Da quando ho compiuto 90 anni me lo chiedono. La morte è una grande scocciatura. È una mancanza di vita. Noi moriamo ogni notte quando ci addormentiamo. La sofferenza, soprattutto fisica, ma anche psicologica, è la cosa che può turbare. Ognuno di noi si augura una buona morte” ha spiegato durante l’intervista. E ha aggiunto un pensiero molto saggio. Continua a leggere dopo la foto

{loadposition intext}

“Penso sempre a un detto di Leonardo, ‘così come una buona giornata porta a un buon dormire, così una vita spesa bene porta a un buon morire’. Lui si è spento con questa visione. Una filosofia pacificante”. Non c’è niente da fare: Piero Angela è proprio un uomo avanti. Un uomo speciale. Che tutti noi amiamo da sempre. Forza Piero!

Piero Angela ricoverato: cosa è successo al divulgatore scientifico più amato d’Italia. Le sue condizioni