“Non c’è battito”. Il dramma dell’attrice dei Beautiful: ha perso 2 figli in pochi mesi

Lo ha tenuto nascosto fino ad ora quando, finalmente, ha trovato la forza di raccontare tutto il suo dolore. In un articolo pubblicato su Glamour ha raccontato di aver perso due figli in pochi mesi. “Lo schermo scuro incombeva sopra di me mentre allungavo il collo per vedere. Alla ricerca di qualsiasi segno di movimento o barlume di vita, mi è stato risposto solo con calma e tranquillità. I miei polmoni si sono riempiti lentamente, cercando di impedire alle lacrime di fuoriuscire dagli angoli dei miei occhi”.


“Mentre respiravo attraverso l’imbarazzo di essere esposto in ogni modo possibile. Il tecnico dell’ecografia mi ha guardato dall’alto in basso con la gentilezza e la determinazione d’acciaio di chi ha dovuto dare cattive notizie troppo spesso: “Mi dispiace, non sembra che ci sia un battito del cuore”. E proprio così, avevo perso il mio secondo figlio nel giro di pochi mesi”. Lei è Annika Noelle, la Hope di Beautiful.

annika noele

Annika Noelle, il suo nome legato a Beautiful

Poi Annika Neolle ha aggiunto: “La natura di una soap opera può essere estenuante. Con una narrazione continua, il cast e la troupe lavorano tutto l’anno producendo più di 200 episodi all’anno. In un solo giorno uno spettacolo può filmare fino a quattro episodi, ottenendo idealmente tutto in una sola ripresa. Nel frattempo, viene trasmesso a milioni di case in tutto il mondo”.


annika noele


“Dicono che se riesci a gestire questo formato, puoi gestire qualsiasi cosa – ha proseguito Annika Noelle – E ci credo perché ero appena uscito da una trama di otto mesi sulla perdita di un bambino che mi sembrava di aver corso una maratona. All’epoca non avevo mai avuto una gravidanza prima. Sono stata grata per la sfida artistica e mi sono buttata nella storia con tutto ciò che avevo, ricercando il distacco della placenta, la morte in utero e l’aborto spontaneo”.

annika noele


Quindi Annika Noelle conclude: “Conoscevo persone nella mia vita che avevano attraversato il trauma della perdita di un figlio e volevo rendere loro giustizia. Doveva essere onesto. Doveva essere reale. Ma ciò che ha comportato sono stati mesi e mesi di dolore davanti alla telecamera che lentamente ha iniziato a filtrare nella mia vita fuori dalla telecamera. Mentre mi allontanavo da quella trama con la mia prima nomination ai Daytime Emmy, ha lasciato un segno psicologico da cui è stato difficile riprendermi… se solo avessi saputo quale crudele ironia mi aspettava”.

Pubblicato il alle ore 20:34 Ultima modifica il alle ore 20:34