Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“L’ultimo messaggio che mi ha scritto”. Nadia Toffa, la tristezza del collega Paolo Calabresi

Non poteva mancare Paolo Calabresi nell’abbraccio virtuale che tutto il mondo dello spettacolo, della televisione e soprattutto la famiglia delle Iene ha destinato a Nadia Toffa. L’attore romano ha condiviso con lei, dal 2009, l’esperienza nella trasmissione di Mediaset, costruendo un rapporto che non era solo lavorativo e professionale. Era umano, era di amicizia. E lo ha raccontato in un’intervista al Corriere della Sera, tra ricordi e racconti.

“È arrivata come se ne è andata, con un grande sorriso e una grande energia. Li ha portati in redazione, regalando a tutti tanta allegria”. Inizia con queste parole, con una Nadia Toffa che entrava in una redazione soprattutto maschile senza tirarsi indietro, senza timori o vergogna. “Aveva una tendenza particolare alla dimensione social, da cui è arrivata anche qualche cattiveria. Ne soffriva e non riusciva ad accettarlo”. E gli hater si sono scatenati anche ieri. Continua a leggere dopo la foto.


Alcune persone si sono divertite infatti a usare la foto di Nadia Toffa per black humour e insulti, come avevano del resto fatto per gran parte degli ultimi mesi di malattia. Odiatori seriali, non semplici leoni da tastiera. Che non hanno però intaccato il sorriso della Iena anche durante la malattia: “Io le ripetevo che stava molto meglio con le parrucche che con i suoi capelli – racconta ancora Paolo Calabresi – Ridevamo quando dovevamo imparare i nostri balletti. Era venuta in radio da me a presentare la sua canzone, Diamante Briciola”. Continua a leggere dopo la foto.

“Io le dicevo che era di una bruttezza senza precedenti e lei ne era consapevole, poi off line abbiamo riso parecchio”. Attiva, dinamica, vivace, una lavoratrice che amava il suo lavoro. Questa la Nadia Toffa descritta da Paolo Calabresi. Che torna poi anche sull’ultimo messaggio che si sono scambiati: “Era a fine maggio, poi ci siamo scritti ma dopo poco era diventato difficile. L’ultima cosa che mi ha scritto è stata never give up”. Continua a leggere dopo la foto.

Perché Nadia Toffa era una guerriera e questo lo hanno detto tutti. Anche Maria De Filippi, nella sua lettera d’addio: “La prima volta che ti ho visto ho pensato ‘che forza questa ragazza’. Quando ti ho conosciuto quello che pensavo è diventato realtà”.

Nadia Toffa, l’addio della famiglia sul suo account Instagram: “Sarai il nostro angelo”