Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Mitchell Ryan

“Ci ha lasciato”. Cinema in lutto per la scomparsa dell’attore e protagonista della famosa serie tv

Cinema in lutto per la scomparsa dell’attore noto per aver vestito i panni di molti cattivi. Aveva preso parte a Monty Walsh, un uomo duro a morire (1970), Il giorno dei lunghi fucili (1971), L’esibizionista (1972), Un rantolo nel buio (1972).

Il 1973 è apparso accanto a Clint Eastwood in Lo straniero senza nome, Una 44 Magnum per l’ispettore Callaghan, poi in Gli amici di Eddie Coyle ed Electra glide in blue. È conosciuto per la sua partecipazione alla serie televisiva Dharma & Greg, nel ruolo del padre del protagonista, e per il ruolo dell’antagonista principale in Arma letale (1987), il generale Peter McAllister.

Morto Mitchell Ryan Arma letale


L’attore è morto per insufficienza cardiaca congestizia, ha confermato la figlia Denise Freed a The Hollywood Reporter. Mitchell Ryan, aveva interpretato il generale in pensione, narcotrafficante, nel primo Arma letale, antagonista di Mel Gibson e Danny Glover. L’attore ha combattuto durante la Guerra di Corea sotto la Marina statunitense. Si è sposato nel 1972 e ha avuto 3 figli.

Morto Mitchell Ryan Arma letale

Ha inoltre partecipato a molte serie televisive in qualità di guest star. Mentre recitava in Dark Shadows è stato licenziato a causa del suo alcolismo. Lo stesso attore disse a TV Guide nel 1976: “Ero così ubriaco quell’anno, ricordo a malapena di cosa si trattasse”. Nella sua autobiografia, Fall of a Sparrow, Mitchell Ryan ha raccontato la sua vita.

“Sono fortunato che, in 30 anni da ubriaco, sono riuscito a vivere la vita di un attore che lavora per essere invidiato. E ho vissuto molto della vita reale mentre lo facevo. Sobrio per i successivi 30 anni, mi è stato detto che ne sono uscito come un essere umano buono e utile. Oggi un uomo diventa attore andando all’università e studiando il suo mestiere. Io sono arrivato in un altro momento. Ho trovato la mia strada nella scuola e nell’università dei duri che è il teatro stesso. Era un’altra epoca”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004