miguel bernardeu elite addio

Dopo anni il volto storico lascia la serie tv: “Voglio dirvi addio e grazie”

Dopo ben quattro stagioni arriva l’addio di uno dei personaggi storici della serie tv. È ufficiale, l’attore lascia il cast. La notizia era nell’aria, ma la conferma è arrivata con un video apparso qualche ora fa su Instagram in cui lui, oltre ai ringraziamenti di rito, spiega che la sua avventura sul set della famosa serie è giunta al termine.

Poche parole ma che confermano quello che in tanti già immaginavano, anche se a giudicare dal tenore di tanti commenti piovuti sotto il fatto che la voce circolasse già non ha ‘attutito’ il dispiacere del pubblico. Perché era dal primo episodio che vedeva l’evoluzione del suo personaggio e perché era uno dei protagonisti. Morale della favola, cuore spezzato per tanti telespettatori di Elie ora che Guzman ha salutato tutti.

“Addio”: l’attore lascia per sempre la serie Elite

L’annuncio, si diceva, è arrivato con un filmato pubblicato sulla pagina Instagram ufficiale della nota serie spagnola. Nel video l’attore Miguel Bernardeu saluta tutti, annunciando che la sua avventura a Elite è finita. Nel finale della quarta stagione in effetti il pubblico ha visto Guzman e Ander lasciare la città. E ora vede Miguel lasciare ufficialmente la serie.


“Ciao, sono Miguel Bernardeau e per quelli che hanno guardato il finale di Elite 4 voglio dirvi addio e mandarmi un enorme abbraccio”, esordisce l’attore spagnolo classe 1996 famoso soprattutto per il suo ruolo in Elite. E poi: “Voglio dire grazie a tutta la squadra di Élite, la produzione, la direzione, tutti i miei colleghi, quelli che sono ancora qui e quelli che non ci sono più, vi avrò per sempre nel mio cuore”.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Élite (@elitenetflix)

“È stato un piacere immenso lavorare con tutti voi. Girare questo show non è mai stato facile, è stata un’esperienza stupenda, alcune volte difficile ma molto molto costruttiva ho imparato tanto e ne sono grato. Perciò grazie a Netflix per questa opportunità e a tutti i creatori. Ma soprattutto, grazie Guzman per avermi insegnato che, non importa chi e quando, non è mai troppo tardi per cambiare. Addio”, la conclusione. Tra i commenti non si contano le faccine tristi e i cuori.

Pubblicato il alle ore 15:29 Ultima modifica il alle ore 15:30