“Lo faccio solo per mio nipote”. Altro che ‘nonno Libero’: Lino Banfi colpisce al cuore

Se pensiamo al nonno d’Italia ci si para davanti agli occhi, senza ombra di dubbio, il faccione di Lino Banfi. Amato da tutti, seguito da tutto lo stivale, che resta sempre aggiornato su ogni ambito della sua vita, anche quella personale. Il Nonno Libero di Un Medico in Famiglia è entrato nel cuore di tutti noi: i toni gioviali, la cordialità, la passione per la sua famiglia e soprattutto per i suoi nipoti. Che non era solo una cosa da telefilm o da fiction.

Nell’intervista di oggi al Corriere della Sera, l’attore pugliese rivela un amore sconfinato per i suoi famigliari, parlando anche di cose abbastanza private. Lino Banfi, ricorderete, è stato nominato rappresentante del nostro Paese nella commissione italiana dell’Unesco e oggi, a 83 anni passati, si dice onorato “perché di tutto perché una figura che mi riguarda molto da vicino, avendo l’onore e l’onere di essere nonno di due nipoti, e poi per un altro motivo”. Continua a leggere dopo la foto.


Pasquale Zagaria, questo il nome reale di Lino Banfi, torna anche sul suo ruolo di Nonno d’Italia: “Di nonni in Italia ce ne sono circa 14 milioni, una bella cifra. Quindi ho pensato di proporre, alla prima riunione ufficiale cui parteciperò, di riconoscere a tutti coloro che arriveranno all’ottantesimo compleanno di potersi godere dei vantaggi. Il giorno dopo aver spento 80 candeline, che è già una bella fatica, non dovranno più pagare il treno, l’aereo… sconti speciali su hotel, cinema, teatri. Insomma, credo sia giusto che a quell’età le persone possano avere qualche privilegio e godersi la vita: lo meritano”. Continua a leggere dopo la foto.

Leggi anche...

Un Lino Banfi politico in erba, insomma, che però non dimentica la Famiglia Martini della fiction, soprattutto la piccola Annuccia, interpretata da Eleonora Cadeddu; “Era molto assennata e mi spiegava, per esempio, i giochi preferiti dei bimbi come lei e il loro modo di parlare tra coetanei. Per esempio, quando si inventano una storia non dicono, come pensavo io, ‘facciamo finta che io sono il medico e tu il malato…’, ma dicono ‘facciamo che io ero il medico e tu il malato…’, insomma al passato e non al presente”. Continua a leggere dopo la foto.

Ma di nipoti ha anche i suoi, i figli di Rossana: “Ormai sono grandi: Virginia ha compiuto 26 anni, Pietro 21”, ma dopo averli viziati in infanzia, ora per nonno Lino Banfi arriva un ruolo più difficile: “Virginia è diventata una bravissima chef nel mio ristorante pugliese qui a Roma e Pietro frequenta fisica nucleare all’università in Olanda. I master universitari costano un botto, e pago io. Ne sono felice, ma mi consenta una battuta: i giovani fanno i master e noi vecchi ci facciamo il mazzer!”. Non perde mai, insomma, il vizio della battuta, il nonno più amato d’Italia!

“Cellulite e grasso”. Antonella Clerici, le foto al mare scatenano: bocciata alla prova costume