L’armata dei sonnambuli, l’altra Rivoluzione

Wu Ming  il collettivo di scrittori bolognese divenuto celebre con il romanzo Q, torna con un nuovo romanzo storico, L’armata dei sonnambuli , nato da un impeccabile lavoro di documentazione, che ripercorre gli avvenimenti della Rivoluzione Francese del 1789. Rivoluzione  rivissuta analizzando il clima di violenza, bassi istinti e credenze fantastiche che animarono le sollevazioni, ritrovandovi la coerenza di un popolo inquieto, ma consapevole – una sorta di microcosmo nella confusione della rivolta. Con questo romanzo i Wu Ming vanno controcorrente: la Rivoluzione dei sonnambuli non è guidata da una borghesia illuminata e distante dai campi di battaglia, ma da personaggi umili e capaci di interpretare il presente, alternativi a una cultura dominante con le sue falle e ipocrisie. La Ragione delle classi alte perde terreno di fronte ai substrati parigini brulicanti di idee e fermento, anche se apparentemente disorganizzati.

 

Wu Ming
L’armata dei sonnambuli
Einaudi, 2014, 796 p.
Euro 21,00