I cinque libri che ti fanno tornare il sorriso

Se è estate, ma il mare non lo vedi manco col binocolo, se le ferie sono un concetto superato, l’ufficio ti mette tristezza e i continui temporali non fanno che peggiorare tutto, è arrivato il momento di leggere i cinque libri che fanno tornare il sorriso, mettono di buonumore e fanno pensare positivo. Funziona anche leggendo un solo libro, ma con tutti e cinque il risultato è assicurato:

 

1) Alla fine andrà tutto bene (e se non va bene… non è ancora la fine) di Raquel Martos


Sei settimane di silenzio forzato. Un incubo, per chi come Carla Díaz non sa tacere un secondo, essendo una presentatrice radiofonica.  Aiutata da whatsapp, email e bigliettini e armata di una buona dose di inventiva e di autoironia, Carla scoprirà di saper comunicare come non aveva mai fatto prima. 

2) La ricetta del vero amore di Nicolas Barreau

Primo amore: gioia e dolore. Palpitazione e nevrosi. Ansia e farfalle nello stomaco. Ispirazione ed eternità. Tutto in questo libro che contiene pure un bel po’ di ricette. Anche di pozioni, tra le quali anche L’élixir d’amour éternel. L’elisir d’amore eterno. Possibile?

3) Niente di serio di P.G. Wodehouse 

Un’oasi di pace dove un gruppo di gentiluomini sensibili si rifugia per sfuggire al lavoro e agli assilli di mogli e fidanzate. Il luogo ideale dove dedicarsi ai passatempi che rendono la vita degna di essere vissuta: un drink, un sigaro, una gara di freccette. In questo paradiso non mancano certo conversazione tra spiriti affini e racconti memorabili di spassose avventure.

4) Ninja in ufficio di Lars Berge

Come campare facendo finta di lavorare? Come sfuggire a una promozione per non avere ulteriori carichi di lavoro? Semplice, diventando un ninja in ufficio!

5) Figuracce di autori vari

Durante una cena estiva, dopo aver bevuto un po’, otto scrittori cominciano a confessarsi le peggiori figuracce della loro vita. Poi Niccolò Ammaniti pensa: facciamone un libro. Detto, fatto. Gli autori: Niccolò Ammaniti, Diego De Silva, Paolo Giordano, Antonio Pascale, Francesco Piccolo, Christian Raimo, Elena Stancanelli, Emanuele Trevi.