Giampiero Galeazzi Come è Morto

“Come è morto”. Morte Giampiero Galeazzi, rivelata la causa del decesso del giornalista

Una terribile notizia ha colpito il mondo del giornalismo e dello sport con la morte di Giampiero Galeazzi all’età di 75 anni. Non si vedeva nel piccolo schermo ormai da diversi anni, visto che la sua ultima esperienza in televisione risale ai primi giorni del gennaio 2019, quando Mara Venier lo invitò a ‘Domenica In’, dove si presentò in sedia a rotelle. In quell’occasione la conduttrice tv lo abbracciò con molto affetto e lui disse: “Mi restano da vivere gli ultimi cinquecento metri della mia vita”.

In passato aveva fatto sapere: “Non ho il Parkinson, ho problemi di diabete. La salute va su e giù, come sulle montagne russe. Ho sbalzi di pressione, gonfiore alle gambe. Quando mi emoziono, mi tremano le mani, ma non sono messo così male. A 72 anni ho anche perso un po’ di chili. La verità è che sono reduce da un’operazione al ginocchio sinistro, mi muovo con le stampelle. Lo studio era pieno di cavi e, per non rischiare, un assistente ha pensato bene di mettermi su una carrozzina”.

Giampiero Galeazzi Come è Morto Diabete

Giampiero Galeazzi smentì il Parkinson, visto che alcuni telespettatori avevano notato dei tremori alle sue mani, che facevano ipotizzare questa patologia. Invece lui ha sofferto di un’altra problematica di salute molto seria, che purtroppo con il passare degli anni gli ha causato un peggioramento del suo stato fisico. Fino a portarlo adesso alla morte. La prima a salutarlo con dolore è stata proprio Mara Venier, ma nel mondo sportivo sono davvero in tanti ad avergli tributato un affettuoso addio.


Giampiero Galeazzi Come è Morto Diabete

Secondo quanto è trapelato in queste ore, Giampiero Galeazzi è stato ucciso da una forma molto brutta di diabete, con la quale lottava da tempo. Si tratta precisamente di una patologia provocata dall’aumento del glucosio nel sangue. Ciò è dovuto principalmente ad una scarsa produzione di insulina da parte del pancreas. Se non lo si riesce a curare subito e tempestivamente, può provocare conseguenze molto pericolose. E purtroppo per lui non c’è stato modo di evitare ora il suo decesso.

La carriera di Giampiero Galeazzi è stata caratterizzata dalla sua grande professionalità e passione nei confronti soprattutto dello sport. Indimenticabile la sua telecronaca ai Giochi Olimpici di Seul 1988 con la vittoria nel canottaggio dei fratelli Abbagnale. Ma anche nel calcio è stato molto presente e storica è anche la sua intervista a Maradona dopo la vittoria dello scudetto col Napoli.

Pubblicato il alle ore 14:34 Ultima modifica il alle ore 14:34