“Rosicone morto di fama”. GF Vip, il clamoroso autogol dell’ex vippone. Scoppia la bufera

Eccoci di nuovo qua, il Vip è nel bel mezzo della tormenta, proprio nel giorno in cui l’Italia si è svegliata imbiancata. Coincidenze?! Noi di caffeina non crediamo, qualcosa era nell’aria. La parola se l’è dunque presa un altro squalificato dal GF Vip, sulla stessa lunghezza d’onda di Stefano Bettarini.

L’ex gieffino ha sentito l’esigenza di dire la propria sui baci appassionati e giocosi che si sono dati i concorrenti del GF Vip. Avete capito di chi stiamo parlando? Il Vip ha condiviso la triste storia Instagram di Bettarini e proprio per tale motivo i fan di Zorzi lo hanno additato accusandolo di omofobia. (Continua dopo le foto)


Stiamo parlando del pizzaiolo siciliano Salvo Veneziano, che per giustificarsi ha utilizzato la noiosissima carta degli amici gay. “Ho condiviso le storie di Bettarini su Instagram perché penso pure io che il troppo storpia… Questo lo dirò fino alla morte… Questo messaggio è soprattutto per tutte le persone che seguono Tommaso, che hanno accusato me e Stefano di essere omofobi, cosa non vera, confermata dal fatto che ho vari amici gay da più di vent’anni. Di tutto mi potete accusare, ma tranne di essere omofobo, razzista o di non rispettare le donne. Io credo sia giusto mettere da parte simpatie e antipatie e ammettere che il GF voglia per forza di cose estremizzare le situazioni per cercare di far passare un messaggio di normalità a tutti i costi, senza capire che proprio questo voler sensibilizzare che contribuisce a dare voce all’omofobia. (Continua dopo le foto)

Altro che sensibilizzazione.. Il troppo forzare sta facendo indignare tutti.. e tutti sto parlando dei miei tantissimi amici gay, persone con una grande sensibilità e soprattutto grande DIGNITÀ … Uno di questi miei tantissimi amici gay è il mio testimone di nozze…. Che sia chiaro così evitiamo la parola omofobia. Strumentazzare tutto ciò, è una cosa di pessimo gusto”.

Oroscopo settimanale Paolo Fox: la classifica dei segni zodiacali dal 28 dicembre al 3 gennaio 2021