flavio insinna il pranzo è servito

“Non piangere…”. Il pranzo è servito, Flavio Insinna scoppia in lacrime durante la telefonata: “La sua voce…”

Oggi puntata speciale de Il pranzo è servito. Un’emozionato Flavio Insinna ha fatto ascoltare una voce a lui molto cara e si è emozionato. Ma arriviamoci con calma. Come ogni giorno, anche mercoledì 1 settembre, alle 14 su Rai2 è andato in onda il reboot dello storico programma condotto da Corrado. A vincere la puntata la neo campionessa Lucia, che realizza anche il “Pranzo è servito”, facendo suonare le campane della trasmissione.

Ma è durante il gioco telefonico che avviene qualcosa di inaspettato. I telespettatori che riescono a prendere la linea devono indovinare cinque voci misteriose appartenenti a personaggi famosi. Un concorrente al telefono riesce a scovare alcuni nomi: “Corrado, Virna Lisi, Sandra Mondaini… Ma c’è la terza voce che non riesco a riconoscere…”. Flavio Insinna la fa riascoltare, il personaggio misterioso dice: “Sono una persona normale, mi piace vivere con il sorriso”.

flavio insinna il pranzo è servito

In realtà, la voce è chiaramente riconoscibile, si tratta del grande Fabrizio Frizzi. Il concorrente però lo scambia per Alberto Lupo e Insinna si incupisce. Immediati i commenti dei fan su Twitter: “Ma come si fa a non riconoscere Frizzi? Insinna era in lacrime…”. E ancora: “Flavio Insinna si è commosso ascoltando la voce di Fabrizio”.


flavio insinna il pranzo è servito

Tripudio social per il conduttore dal grande sorriso, scomparso a 60 anni a causa di un tumore. Anche qualche giorno fa è successo qualcosa di inaspettato a Flavio Insinna. La telespettatrice in linea, prima di provare a indovinare la voce misteriosa, pone una domanda inaspettata al conduttore: “Flavio ti posso chiedere una cosa?”.

flavio insinna il pranzo è servito

E ancora la concorrente al telefono: “Ma quest’anno condurrai sempre tu l’Eredità? Perché sei stato il più bravo di tutti”. Flavio Insinna, visibilmente in imbarazzo, replica così: “Noi siamo qua, mai dire mai…”. Poi aggiunge: “Per completezza, la storia dell’Eredità è lunga venti edizioni. Inizia tutto con Amadeus, poi Carlo Conti, Fabrizio Frizzi neanche a dirlo e poi arrivo io”. Bravo!

Pubblicato il alle ore 20:50 Ultima modifica il alle ore 20:50