“Stasera lo cacciano in diretta”. GF Vip, si mette male per Fausto Leali. Stavolta l’ha fatta troppo grossa

Sta per finire l’avventura di Fausto Leali al Grande Fratello Vip 5. Secondo un’indiscrezione raccolta da Tv Blog, gli autori avrebbero deciso di punire il cantante Fausto Leali. L’artista è finito di nuovo al centro delle polemiche nelle ultime ore. Dopo le tanto chiacchierate dichiarazioni su Benito Mussolini e il suo operato in Italia, il 75enne ha scatenato i telespettatori in seguito ad un confronto con Enock Barwuah, il fratello minore di Mario Balotelli. “Nero il colore, ne..o è la razza”, ha fatto sapere Fausto.

Frasi vergognose che ha indignato il pubblico e spinto Enock a consigliare a Fausto di non utilizzare più certi termini. Irremovibile è stato l’interprete di Brescia che ha tirato in ballo pure una sua vecchia canzone dal titolo “Angeli ne..i”. Se gli autori hanno scelto la scorsa settimana di chiudere un occhio davanti alle esternazioni sul fascismo, questa volta non sembrerebbero pronti a perdonare il concorrente, tra i più anziani di questa edizione. Insomma, stando a quanto appreso da Tv Blog, la produzione del Grande Fratello Vip avrebbe optato per la squalifica nei confronti di Fausto Leali. (Continua a leggere dopo la foto)


L’uscita del cantante che non si dichiara razzista ma che ha un opinabile modo di dimostrarlo, dovrebbe avvenire stasera, lunedì 21 settembre, nel corso della terza puntata del reality show. Per avere la certezza non resta che sintonizzarsi a partire dalle 21.30 su Canale 5. Il popolo del web aveva invocato la squalifica per Leali già la scorsa settimana per via delle affermazioni su Mussolini e Hitler. (Continua a leggere dopo la foto)

Il padrone di casa, in quel momento aveva optato per una semplice strigliata di orecchie ma ora la situazione è peggiorata. Per il cantante tutto normale perché, come lui stesso ha spiegato, “nero è il colore, neg.o è la razza”. “Da casa ci guardano, non deve passare questa cosa”, ha replicato il fratello di Balotelli. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
“Che cosa faccio con le mie canzoni sui neri?”, la risposta di Leali. “Ho capito cosa vuoi dire ma è una parola che non deve essere detta”, la controreplica educata di Enock che ha aggiunto: “Sennò la gente pensa che è normale dirlo, non è normale dirlo perché a me per strada se mi dicono quella cosa lì…”. Staremo a vedere.

Ti potrebbe anche interessare: Edificio di tre piani crolla: finora 10 morti e 25 dispersi. Soccorritori al lavoro per cercare superstiti