Emozioni e sentimenti dei cani si possono capire

I cani non parlano, però comunicano. Sta a noi umani capirli. E il modo c’è, spiega uno studio americano pubblicato su Behavioural Processes: è sufficiente osservare le espressioni facciali. I ricercatori hanno presentato le foto di un cane, un berger belga di cinque anni di nome Mal, a cinquanta volontari suddivisi in due gruppi secondo le rispettive esperienze con i cani. Le immagini ritraevano Mal in diverse espressioni facciali, ognuna a seconda dell’emozione indotta dagli studiosi, che lo hanno rimproverato, coccolato e così via, per fotografare poi il primo piano del muso, la postura, le orecchie, tutti gli elementi fisici che mutavano a seconda degli stimoli indotti dal team scientifico. Il risultato è stato poi sottoposto ai volontari, dove è emerso che coloro che avevano più familiarità con i cani facilità a riconoscere le espressioni positive di Mal, al contrario invece delle emozioni negative. È emerso che felicità è l’emozione più facilmente riconoscibile, poi la collera. Più difficile da capire, invece, la sorpresa e il disgusto.