“Stefania Orlando? Non avete capito che fa nella casa”. GF Vip, arriva l’accusa

Ricordiamo tutti la recentissima litigata tra Tommaso Zorzi e Stefania Orlando nella Casa del GF Vip. Una discussione clamorosa che ha visto due dei più coesi bff del reality schierarsi l’uno contro l’altro per una motivazione fondamentalmente futile. Poi il chiarimento. Poi la rivelazione di Tommaso a Cecilia: “Stefania mi ha chiesto di far finta di litigare”.

C’è da dire che i vipponi coinquilini siano tutti confusi in merito, tranne Dayane Mello che come sempre sa bene cosa dire e quando dirlo. La modella ha scelto di raccontarsi a Mario Ermito, confidandogli il suo punto di vista nei confronti di Stefania Orlando e nella fattispecie nei confronti del suo rapporto con Tommaso Zorzi. (Continua dopo le foto)


“Le maschere cadono. Questa è la conferma di tante cose per me. Lei ha fatto il suo percorso da sola, poi ha visto che Tommaso è un personaggio fortissimo e si è attaccata a lui come una cozza. Adesso ha visto che funziona. Ora però se lui direziona la sua attenzione anche ad altri, forse anche a me che sono un ‘mmm’ capiscimi, a lei dà fastidio. Quindi fa uno spettacolo contro Tommaso e quindi avrà il suo video in puntata. Questa è tutta una strategia sua. Manie di protagonismo e nient’altro, questa è la verità. Non è gelosia credimi non è nulla di questo. Le attenzioni le voleva su di lei e questo ha avuto. Mi fa tanto ridere tutto questo”. (Continua dopo le foto)

“Tommaso è un ragazzo buono, ha 25 anni e lei è una donna di 50 anni che manipola uno giovane. Queste scenate di gelosia le può fare con il marito e non con un concorrente che può stare con chi gli pare. Se ora io divento amica di Tommaso che problema c’è? Perché le dà fastidio se sono sua amica? La infastidisce perché ha i suoi piani e pretende qualcosa. Credi che a me dispiace per Tommaso, perché è un ragazzo buono e le persone stanno sfruttando la sua popolarità. Lei lo usa per emergere”.

Oroscopo settimanale di Paolo Fox. Amore, lavoro e fortuna: le previsioni segno per segno