Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Cesare Pompilio morto

“Diteci che non è vero”. Televisione sotto choc, l’opinionista stroncato da un malore improvviso

“Ho una terribile notizia da darvi, purtroppo è morto il mio e nostro caro amico Cesare Pompilio. Solo chi ha avuto la fortuna di frequentarlo dentro e fuori dagli studi televisivi sa che straordinaria persona fosse. Dire che ci mancherà non rende l’idea del vuoto che proviamo”. Con queste poche parole il direttore di Telelombardia Fabio Ravezzani ha detto addio ad un uomo che ha saputo farsi apprezzare come professionista e come amico.


Nato a Comiso ma da sempre residente a Milano, Pompilio era uno dei volti più noti del programma ‘Qui studio a voi stadio’. Esperto di calcio e grande tifoso della Juventus, la sua esuberanza nel tifo bianconero gli aveva causato, qualche anno fa, anche un malore in diretta. Un lieve mancamento durante una partita di Champions League in cui la Juventus, che stava perdendo, alla fine vinse il match.

Cesare Pompilio morto


Morto Cesare Pompilio, volto storico di Tele Lombardia


Alcuni ricorderanno Cesare Pompilio in diretta tra l’abbigliamento eccentrico e il racconto sportivo colmo di emozioni. Sui social sono già tantissimi i messaggi di cordoglio sotto la notizia della scomparsa. Anche Luciano Moggi, ex dirigente del club bianconero, gli ha tributato un suo personale ricordo: “Caro Cesare, oggi ci hai lasciato”. (Leggi anche “Come un fulmine a ciel sereno”. Cesare Cremonini, la notizia che lascia i fan senza parole)

Cesare Pompilio morto


E ancora: “Ma il tuo ricordo e tutto quello che abbiamo vissuto insieme non potrà mai essere cancellato. La tua amicizia, il tuo sostegno costante anche nei momenti difficili saranno sempre con me. Riposa in pace amico mio”. Una voce un po’ gracchiante, ma anche questo faceva parte del personaggio di Cesare Pompilio.

Cesare Pompilio morto


Baffi, vestiti quasi sempre in bianco e nero, occhiali colorati, temperamento sanguigno, non passava inosservato.Soprattutto quando la Juve segnava un gol e poteva scatenarsi coi decibel. Nel 1983, ai tempi della finale di Coppa Campioni Amburgo-Juventus 1-0, fu l’unico cronista a riuscire in uno scoop che pareva impossibile, intervistare Christelle Platini, moglie di Michel, nota per la riservatezza.

“Purtroppo è morta”. Lutto a Ballando con le stelle, la notizia più brutta annunciata in tv


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004