Quando Marx rischiò lo sfratto

Il nuovo libro di Errico Buonanno, edito da Rizzoli, “Lotta di classe al terzo piano – La storia di Marx e del suo Padrone. Di casa” è il racconto della genesi di una nuova idea, che l’utopista si trova inaspettatamente a condividere con colui che, in teoria, è il suo nemico giurato. Karl Marx è infatti alle prese con il blocco dello scrittore, il portafogli vuoto e l’umiliazione di dover vivere a spese del compagno Engels. Come se non bastasse, la casa in cui vive, un triste condominio di Soho, è proprietà del suo nemico giurato, il capitalista Alan John Huckabee. Tutto questo in un’atmosfera di inquietante attesa: mentre lui si isola dal mondo, il mondo là fuori sta covando la rivolta, è il 1861, il movimento operaio è sul piede di guerra e l’Europa è una polveriera che può esplodere da un momento all’altro. Inaspettatamente l’unico aiuto gli arriva proprio dal suo acerrimo nemico che, essendo uno scrittore fallito, capisce bene il suo stato d’animo e lo riempie di attenzioni partendo da un’esilarante rapporto epistolare fino ad arrivare a lottare al fianco del movimento clandestino.

 

Errico Buonanno
Lotta di classe al terzo piano – La storia di Marx e del suo Padrone. Di casa.
Rizzoli, 2014, 316 p.
€ 18,00
ISBN: 17072526