“La depressione, anni interi così”. Il dramma del figlio vip davanti a una commossa Eleonora Daniele: “Devo tutto a mamma”

Bruno Vespa, tutto sulla storia personale del figlio. Si chiama Federico Vespa e nella vita non è solo giornalista, ma anche scrittore e conduttore radiofonico. La sua storia personale, però, è stata segnata anche da un periodo molto delicato che lo ha spinto a chiedere un sopporto psicologico. Ansie e paure, dunque, nella vita del figlio di Bruno Vespa. Federico le ha spiegate nello studio di Storie Italiane.

Federico Vespa, classe 1979,  ha spiegato tutto sul periodo della depressione durante un’intervista rilasciata per Libero Quotidiano. Ma la sua storia è raccontata anche tra le pagine di un libro, scritto nel 2019 ed edito da Piemme, dal titolo “L’anima del maiale. Il male oscuro della mia generazione”. Un monito per tutti coloro che sono finiti nel tunnel buio della depressione e delle sue inevitabili conseguenze.


“Come ho detto, è un libro autobiografico; ero già uscito dalla depressione e mettermi a scrivere su ciò che avevo passato è stato curativo e terapeutico. Il senso di questo libro è che puoi avere tutti i soldi di questo mondo, la famiglia più importante del pianeta ma questi non bastano a “comprare” la felicità e la serenità. Ci vuole altro”, così Federico Vespa parla di quella sofferenza.

“Sono andato dai miei genitori e gli ho chiesto aiuto. Facevo il terzo anno di università. Ho deciso di parlare con tutti e due subito e mi hanno subito dato una grossa mano, soprattutto mia madre che sapeva che sarebbe stato un percorso lungo e complicato. Mamma aveva sofferto di una depressione post parto quando sono nata io, lieve, ma aveva capito quale era il percorso da fare”.

E davanti alle telecamere di Storie Italiane, Federico ha ammesso: “La mia colpa è stata sottovalutarla, ho pensato che passasse da sola”. Il sostegno più importante è arrivato proprio dai genitori, in particolare dalla madre, e dopo il buio, la luce: “Quando ho riaffrontato con la memoria i momenti della depressione. Scrivevo di sera, mi accompagnavo anche con un bicchiere di whisky per cercare di allentare la tensione nell’ affrontare qualche passaggio, e a volte stavo male perché mi saliva il ricordo di quel periodo faticosissimo della mia vita”.

“Mauro…”. Colpo di scena in diretta tv: Bianca Berlinguer ‘chiama’ Corona. E cambia tutto