Berlino: insieme chiesa, moschea e sinagoga

Cristiani, ebrei e musulmani pregheranno un giorno sotto lo stesso tetto qui nella Fischerinsel, la parte finale dell’Isola dei Musei, alle spalle dell’Unter den Linden. L’idea è del pastore protestante Gregor Hohberg. «Vorrei che nascesse proprio qui — ha pensato — qualcosa di visionario: una chiesa che sia anche moschea, che sia anche sinagoga». La sua idea è diventata molto di più di una speranza. Hohberg si è impegnato a fondo, trovando alleati nella comunità ebraica e in quella musulmana. Berlino avrà presto, quindi, un luogo di culto unico al mondo. Serviranno 43,5 milioni di euro. E chiunque può dare il suo contributo, anche comprando online un solo mattone per dieci euro.  La chiesa-sinagoga-moschea si chiamerà «The House of One». Ci sarà una grande piazza centrale, coperta, la “casa dello studio”, da cui si accede ai tre luoghi di culto, che non hanno nessuna gerarchia tra loro. Poi, in alto, una loggia che vuole essere un luogo di meditazione per tutti: lo spazio dell’incontro e del dialogo.