Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Noi non possiamo uscire di casa e tu a Dubai!”. Live, scoppia il caso in diretta. Tutti contro la showgirl: “Vergogna!”

Non è un problema solo italiano, anzi. Sembra infatti che mentre la maggior parte di noi è chiusa in casa, cercando di limitare i contagi come può, c’è chi invece viaggia per il mondo indisturbato, giustificando viaggi con contratti lavorativi (ma anche senza). E mentre in Italia non si può neanche uscire dal proprio comune, o dalla propria regione, c’è addirittura chi può prendere un aereo e andarsene dall’altra parte del mondo tra chi sa quali nuove varianti ancora sconosciute. Se ne è parlato ma fin troppo dolcemente forse, durante l’ultima puntata di Live – Non è la D’Urso.

Tra gli ospiti ci sono anche Asia Gianese e Guenda Goria, in collegamento rispettivamente da Dubai e da Sarhm El Sheikh. “Per quale motivo sei andata alle Maldive e ora sei a Dubai visto che si può andare solo per lavoro conclamato?”, ha chiesto Barbara D’Urso ad Asia, la quale ha risposto: “Io potrei essere venuta qua anche dal mio fidanzato o dai miei amici.. il mio è un progetto di vita“. Poi ha aggiunto: “Sono qua da cinque mesi con una struttura e non capisco perché devo stare a spiegare a tutta Italia cosa sto facendo”. (Continua a leggere dopo la foto)


E ancora: “Faccio formazione, non mi pagano per questo, ma per le sponsorizzazioni e per le cose che faccio”. Guenda Goria, che invece si trova a Sharm el-Sheikh, ha spiegato che sta collaborando con un’azienda che si occupa di creare corridoi Covid-free tra Egitto e Europa. A quel punto Vladimir Luxuria ha lanciato una provocazione. (Continua a leggere dopo la foto)

“Incredibile noi non possiamo andare a trovare i nostri parenti e loro si fanno la vacanza e pubblicano foto e video sui social. Vorrà dire che adesso, a Pasqua, per andare a trovare i nostri genitori ci troviamo una scusa e facciamo tutti i furbi“. Insomma, basta così poco per espatriare senza problemi. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
E se ognuno di noi si ‘inventasse’ una scusa lavorativa o medica (ad esempio) e iniziasse a scorrazzare in lungo e il largo in paese, sarebbe una buona cosa per la lotta alla pandemia? Ecco, la domanda in questi casi è una e una soltanto: “È proprio necessario spostarsi?”, vedrete che se siete onesti con voi stessi 99 volte su 100 la risposta è “no”.

Ti potrebbe anche interessare: Ora è ufficiale, Mara Venier può fare salti di gioia. La notizia bomba che cambia tutto


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004