“Il tumore mi ha portato a questo”. Antonella Elia, dopo anni la verità viene fuori: costretta ad affrontare prove terribili

Antonella Elia, la confessione in diretta. Può anche trovarsi al centro del mirino delle polemiche ma per l’opinionista il momento difficile non è stato ancora superato del tutto. La confessione avviene nello studio di Verissimo e le parole di Antonella Elia sottolineano tutta l’intensità della sua sofferenza. Ha parlato del tumore al seno ma anche di qualcosa di molto più intimo.

Antonella Elia non vuole avere alcun segreto con il suo pubblico e che piaccia o meno, l’opinionista non ha mai girato intorno alle questioni. Neanche quando i riflettori si accendono sulla sua vita personale e intima che nulla a che vedere con il mondo caotico dello spettacolo e della televisione. Si, perchè nella sua dimensione privata, Antonella vive ancora il dramma della malattia. (Continua a leggere dopo la foto).


Che sia stata colpita da un tumore al seno, ormai si sa ma davanti agli occhi commossi di Silvia Toffanin, Antonella Elia si è lasciata andare a una confessione ben precisa. Un tumore al seno comporta tante conseguenze, ed è per questo che la finalità dell’opinionista rimane sempre e comunque quella di sensibilizzare le donne alla prevenzione. (Continua a leggere dopo la foto).

Antonella Elia ha raccontato di quando si è dovuta sottoporre a una quadrantectomia e alla asportazione di una parte del seno: “Dopo il quadrante, è stato trovato un carcinoma in situ – ha spiegato alla Toffanin -. A dicembre ho fatto il controllo del quarto anno ed è andato tutto bene. Per il mio pezzo mancante mi sono vergognata e per due anni mi sentivo di dovermi nascondere”. (Continua a leggere dopo le foto).

Non solo dunque la malattia ma anche le sue conseguenze: “Quando arriva la parola tumore, la malattia sovrasta la tua vita. La medicina fa passi da gigante, ma bisogna fare prevenzione. Io non sono più riuscita ad avere rapporti intimi, mi vergognavo del mio seno mutilato”. E ha aggiunto: “Nel momento in cui hanno messo in discussione la mia malattia, dicendo che l’avessi inventata per prevalere in uno squallido litigio televisivo al GfVip, sono stata male. Ma non ho voluto infierire, perché stavamo parlando di una malattia”.

“Ho sentito qualcosa alle gambe, ho pensato fosse la fine”. Verissimo, il dramma raccontato a Silvia Toffanin. Il dolore del suo ospite