Questo sito contribuisce alla audience di

“Lo ha fatto di nuovo”. Adriana Volpe, nuovi fatti con Giancarlo Magalli: “Che tristezza…”

Adriana Volpe, le parole della conduttrice dopo mesi turbolenti. Non è stato di certo un periodo del tutto facile per Adriana Volpe, soprattutto alla luce della vicenda, finita anche in tribunale, con l’ex collega Giancarlo Magalli, condannato a un risarcimento in denaro. E come spesso accade in questi casi, lo sfogo liberatorio arriva dopo aver tentato di tenere sempre i nervi saldi di fronte alle difficoltà. Adriana Volpe ha confidato tutto durante un’intervista rilasciata per il settimanale Ora.

“Ancora una volta ha scritto un post per screditarmi e questa volta ha denigrato anche il lavoro del tribunale e dei giudici”, afferma Adriana Volpe per poi aggiungere: “È triste che un personaggio del suo calibro si nasconda dietro ad un dito invece di cercare di porre rimedio a insulti, attacchi e gravi allusioni che mi hanno offeso per anni e che hanno provocato dolore a me e alla mia famiglia”.

Adriana Volpe confessione pianto liberatorio

“Secondo me aveva la piena certezza che tutto sarebbe finito prima o poi a tarallucci e vino e che le denunce nei suoi confronti sarebbero state archiviate”. Poi la confessione: “Ho pianto ed è stato un pianto liberatorio. E poi mi sarei aspettata che al termine del processo Giancarlo si fosse avvicinato a me chiedendomi scusa. Per anni ha infangato sia la mia credibilità professionale sia la mia dignità di donna e di madre e pare proprio non essersi reso conto della gravità delle sue azioni. Purtroppo ancora una volta il suo comportamento mi ha ferito e deluso”.


Adriana Volpe confessione pianto liberatorio

Confidenze che Adriana riesce a dire solo oggi: “In alcuni casi ho pensato di mollare tutto perché mi sembrava di pedalare a vuoto e che non si arrivasse mai alla fine. Sono stati mesi, anni duri, soprattutto quando in Rai sono stata allontanata dal programma. Mi sentivo umiliata, screditata, sopraffatta. Ho sofferto anche quando è stato allontanato Marcello Cirillo perché aveva espresso solidarietà nei miei confronti”.

Adriana Volpe confessione pianto liberatorio
Adriana Volpe confessione pianto liberatorio

E come spesso accade, il ringraziamento più grande è rivolto a chi ha continuato a incoraggiarla e sostenerla: “Se sono arrivata fino in fondo – ha sottolineato – lo devo anche ai numerosi followers che mi hanno dato la spinta necessaria per non mollare. Alcuni di loro mi hanno addirittura inviato un materiale riguardante Magalli che mi stato utile per il processo”.