“Una gàia massàia selvatica, feconda, bionda e rotonda”, l’imperdibile ode del noto poeta a Valeria Marini


“Una gàia massàia selvatica, agreste e rurale, feconda, rìcciola e bionda rotonda? e chi mai la avrebbe immaginata mai nuràgica, pelàgica e màgica insieme: alga, cintura di Venere e femmina, tessitrice, panificatrice e casificatrice di fibre, di latti e cereali ancora da cuocere?”. Indovinate un po’ a chi è dedicata questa poesia uno stralcio della quale è stato pubblicato sul settimanale Oggi?

(Continua a leggere dopo la foto)








A Valeria Marini! A comporla il poeta e scrittore sardo Gavino Ledda che, nel suo libro che uscirà a primavera, ha inserito appunto un’intera ode dedicata alla show girl. Nell’intervista rilasciata al settimanale l’autore ha spiegato: “Valeria Marini è la mia musa. È bella, mi è sempre piaciuta. Non l’ho mai conosciuta, ma mi sembra una donna intelligente e astuta, che gioca a fare la bambola ma ha tutta l’aria di essere salda, determinata”. Non si sono mai incontrati ma Ledda ha dichiarato: “Valeria è la favola, il sogno. Il sogno del poeta. Magari dopo l’uscita del mio libro ci sarà occasione per incontrarci”.

Leggi anche: “Avrò cura di te”, le lezioni d’amore di un angelo custode

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it