Il molestatore scoperto dalle Iene rischia il linciaggio: percosse e negozio devastato


Nell’ultima puntata delle Iene è andata in video una inchiesta su un uomo che a Napoli, fingendosi un datore di lavoro, offre impiego a giovani ragazze disoccupate. Ma lo scopo era un altro: molestare le ragazze spiandole una volta che queste vanno in bagno. La “iena” Nadia Toffa invia alcune ragazze per far cadere l’uomo nella trappola. E alla fine si presenta lei stessa. Davanti alle donne in cerca di lavoro l’uomo precisa che pretende puntualità e rispetto e si mostra affettuoso e cordiale, offre da bere e poi le spia una volta andate in bagno attraverso un buco nel muro. Nadia Toffa finge di essere un travestito e fa pipì in piedi.

(continua dopo le foto)




L’uomo imbarazzato se ne va via di corsa e le chiede di andarsene. Una volta smascherato il pervertito reagisce molto male davanti le telecamere e diventa violento. Con tanto di minacce di morte. La trasmissione, ancora una volta, ha smascherato un truffatore, con l’aggravante di essere un molestatore. E anche la reazione della gente del rione Pianura, dove risiede l’uomo, è stata forte. Violenta. Perché il truffatore, ieri sera, ha rischiato il linciaggio. Alcuni genitori, dopo aver saputo che aveva aperto la sua attività come tutte le mattine, si sono recate sul posto e hanno cominciato a picchiarlo. Con il sostegno di alcuni passanti che hanno anche devastato le vetrine del locale. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine e hanno portato via il negoziante per evitare il peggio. Una volta allontanatesi le volanti, alcune persone hanno poi imbrattato le saracinesche.

GUARDA IL SERVIZIO DELLE IENE “IL BUCO DI UN PORCO CON I BAFFI”