“Ho toccato il fondo”. Raoul Bova, la confessione che preoccupa i suoi fan


Una bella prima puntata quella di Made in Italy, la serie tv che racconta la nascita della moda negli anni ’70. Un grande e ricco cast quello di Made in Italy, in onda ieri sera su Canale5. Tra questi c’è Raoul Bova che prima del debutto si è raccontato su Il Corriere della Sera. Nella fiction Raoul Bova è Giorgio Armani, e questa serie è stata per lui importante. Il lavoro ha infatti aiutato l’attore a fare i conti con un momento difficile, con la morte ravvicinata dei suoi genitori.

L’amatissimo Raoul Bova ha raccontato al Corriere: “Ho toccato il fondo e la sfida è stata non naufragare. Ho perso i miei genitori in poco tempo, devi fare i conti con le tue fragilità”. Il ruolo di Raoul Bova in Made in Italy è tra i più importanti. Si tratta di Giorgio Armani, stilista che in Italia e nel mondo è tra i più apprezzati. Nell’interpretare questo ruolo Raoul Bova era terrorizzato, soprattutto perché tra i due c’è una grande amicizia. (Continua a leggere dopo la foto)






Per l’attore era dunque fondamentale essere all’altezza in Made in Italy dello stilista ma soprattutto dell’amico. Per l’attore Armani è stata una figura fondamentale. Sul Corriere, infatti, l’attore racconta: “E’ stato il mio anello di congiunzione con l’Italia negli anni in cui ho vissuto a Los Angeles”. (Continua a leggere dopo la foto)






Raoul spiega che mentre lui cercava di nascondere la sua italianità e provava ad assomigliare agli americani, lo stilista era fiero di essere italiano. Per l’attore fu una grande lezione. Se gli ultimi due anni per Raoul Bova non sono stati dei più sereni la svolta sembra essere arrivata. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Per Raoul Bova inizia il nuovo anno con la fiction Made in Italy, per ben quattro puntate. Ma l’attore sta già lavorando a due nuovi progetti importanti. Si tratta di una fiction per Canale5 in cui interpreta un affettuoso papà e di un film per il cinema con Filippo Magnini. “Un anno pieno di prospettive” ammette l’attore, che confessa di avere tanti altri progetti interessanti. Evviva.

Ti potrebbe anche interessare: “Ora serve il dna”. Possibile svolta nel caso di Stefano e Antonio Maiorana, padre e figlio scomparsi 14 anni fa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it