“È vergognoso!”. Telefonata in diretta da Alberto Matano, il conduttore resta di ghiaccio. Polemiche in arrivo


Momenti di tensione a ‘La vita in diretta’. Nel programma pomeridiano di Rai 1 si è tornati a parlare della protesta delle studentesse per la minigonna in classe. Per chi non avesse seguito, la protesta è scoppiata al Liceo Socrate di Roma all’indomani della presunta richiesta da parte della vicepreside di non indossare in classe abiti troppo succinti.

Sulla questione era intervenuto anche il fotografo Oliviero Toscani. “Non è che allungando le gonne si toglie ai professori e agli alunni maschi il vizio di guardare. Che poi va anche detto che ciò che è bello può e deve essere ammirato. Se anche un professore guardasse una ragazza, non vorrebbe dire che automaticamente poi la violenti o la molesti. Alla base c’è una cultura religiosa, cattolica e ipocrita che ha generato un maschilismo che, senza distinzioni, appartiene anche alle donne stesse, come nel caso di questa vicepreside. E’ una cosa stupida, da imbecilli, ma difficilmente superabile”. Continua dopo la foto






Oggi a infuriarsi è stata Claudia Mori che ha telefonato a la Vita in Diretta: “È vergognoso che nel 2020 si parli di queste cose”. Oggi, nel contenitore pomeridiano di Rai1. Le allieve milanesi, infatti, avrebbero espresso vicinanza a quelle romane andando a scuola in minigonna. In studio, Matano ne parla con i suoi opionisti tra cui Alda D’Eusanio e Roberto Poletti. Mentre la D’Eusanio sarebbe favorevole all’uso dell’indumento a scuola, Poletti si sarebbe detto contrario. Continua dopo la foto






“Bisogna rispettare il luogo – avrebbe affermato il giornalista -. Vedo giovani che vanno in giro mezze nude”. A quel punto, è arrivata la telefonata in diretta di Claudia Mori. “È una vergogna – ha detto la moglie di Adriano Celentano – che si parli ancora della minigonna in questi termini. La donna si deve vestire come vuole, perché sa come vestirsi a seconda della situazione. Se io a scuola me la voglio mettere, la metto. Se al professore cade l’occhio, è lui il malato”. Continua dopo la foto



 


E conclude: “È pericoloso dire che l’occhio cade lì. La donna esattamente come l’uomo si deve vestire come ritiene opportuno. La verità è che non è mai passata l’idea della donna come oggetto sessuale e non come essere umano. Io domani – chiude ironica – mi metto la minigonna, voglio vedere se cade l’occhio”.

Ti potrebbe interessare: Wanda Nara, il massaggio hot non è per deboli di cuore. Lato B in bella vista e fan stesi

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it