“Le gambe chiuse…”. Raffaella Fico ‘gelata’ nello studio di Storie Italiane. Che imbarazzo


La puntata di stamattina di ‘Storie Italiane’ è stata abbastanza intensa. Vi abbiamo raccontato in un precedente articolo del racconto choc di Enrica Bonaccorti, che ha confessato di essere stata violentata quando era soltanto una bambina. Si è parlato di cronaca nera e proprio la conduttrice televisiva si è lasciata andare ad una battuta non proprio carina nei confronti di Raffaella Fico, anche lei ospite in studio. Ci si stava soffermando sulla protesta delle studentesse al Liceo Socrate di Roma.

Ricordiamo che un’insegnante di quell’istituto scolastico avrebbe detto alle ragazze che sarebbe meglio non indossare la minigonna in aula, altrimenti ai professori maschi potrebbe cadere l’occhio. A quel punto la Bonaccorti si è rivolta nei confronti della showgirl, dicendo: “Ma su di te cade l’occhio di tutto lo studio anche se hai le gambe chiuse”. Nonostante la sua fosse un’uscita non dettata da polemiche o da offese, non è stata certamente apprezzata dalla diretta interessata. (Continua dopo la foto)






Prima hanno parlato Vladimir Luxuria e Sandra Milo e poi è stata la volta della Fico, la quale ha affermato: “Se indosso una minigonna di certo non spalanco le gambe”. Dunque, si è poi materializzata la battuta di Enrica, che però subito dopo ha ammesso che è stata “infelice”. Si trattata di un’uscita fatta assolutamente in buona fede, che non aveva intenzione minimamente di colpire la bellissima Raffaella. Interessanti anche le parole utilizzate dalla Luxuria e anche dalla Milo. (Continua dopo la foto)






Vladimir ha affermato che se un occhio di qualcuno dovesse cadere proprio lì, è giusto che lo si raccolga e si metta al suo posto. Ha quindi voluto rispondere con ironia, aggiungendo comunque in seguito che ogni donna è libera di vestirsi come meglio crede. Sandra ha invece esclamato: “La bellezza va guardata. Se io sono una bella donna è naturale che attiro l’attenzione”. Ovviamente intendeva sicuramente che si può anche guardare, senza però andare mai decisamente oltre. (Continua dopo la foto)



A proposito dell’abuso di Enrica Bonaccorti, quest’ultima ha dichiarato: “Di esperienze negative ne ho avute molto dagli 8 ai 19 anni e da quando ho iniziato a lavorare avrei molti altri episodi da raccontare. Sono figlia di una cultura che all’epoca dava per scontate certe cose. Non basta dare un calcio per difendersi, specie se si ha 8 anni e chi abusa è un adulto. Mi pento di averlo detto perché ora i giornali ci ricameranno sopra”.

“Sono stata abusata a 8 anni”. Il racconto choc e inatteso della conduttrice a Storie Italiane

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it