“Mi ha salvata”. Asia Argento, la confessione a cuore aperto: “Stavo per perdere casa, tutto”


Lo conosciamo tutti l’ultimo anno di Asia Argento, anzi, l’ultimo periodo. La figlia del regista horror è riuscita a riprendersi, anche grazie all’aiuto di Barbara D’Urso che l’ha chiamata nelle sue trasmissioni. Una rata del mutuo da pagare e, nel mentre, l’addio alla giuria di XFactor per il caso Jimmy Bennett, che l’ha accusata di molestie sessuali. L’addio allo show ha intralciato i suoi piani: “Ho pensato di vendere casa – ha spiegato in un’intervista a “Il Fatto quotidiano” – su cui pago il mutuo, ma devo ringraziare Barbara D’Urso e i programmi come i suoi se mi sono ripresa, altrimenti ero finita. Sono stata costretta a metterci la faccia”.

Altro programma a cui ha partecipato in coppia con Vera Gemma, Pechino Express, ha portato a una lesione del suo ginocchio: “Io mi ero preparata per 5 mesi con Vera e sono durata 5 giorni. Mi sono rotta il ginocchio, ma anche due dita. Nessuno mi credeva perché non piangevo. Non mi prendevano sul serio perché non frignavo, io il dolore lo so incamerare”. (Continua a leggere dopo la foto)






Ed eccola l’attrice e produttrice che ha raccontato di aver “pensato di vendere casa” su cui paga il mutuo. Ma l’interessamento di Barbara d’Urso e dei suoi programmi alla sua storia le hanno permesso di riprendersi: “Altrimenti ero finita”, ha sottolineato la Argento che, come sempre, ha voluto, anche se per certi versi costretta, “metterci la faccia”. (Continua a leggere dopo la foto)








Ecco dunque che pubblicamente ringrazia la conduttrice di punta di Cologno Monzese che più volte l’ha chiamata nelle sue trasmissioni dandole la possibilità di riprendersi. La figlia del re dell’horror italiano aveva anche iniziato a partecipar al programma di Rai 2 Pechino Express, in coppia con Vera Gemma, ma si era subito infortunata. (Continua a leggere dopo la foto)

 


“Io mi ero preparata per cinque mesi con Vera e sono durata cinque giorni. Mi sono rotta il ginocchio, ma anche due dita. Nessuno mi credeva perché non piangevo. Non prendevano sul serio perché non frignavo, io il dolore lo so incamerare”, ha dichiarato qualche tempo fa.

Ti potrebbe anche interessare: Coronavirus, nuovo focolaio in Toscana. Il contagio arriva dal Bangladesh

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it