UnoMattina: Valentina Bisti e Roberto Poletti, la decisione Rai. “Separati”


Le novità Rai non finiscono. Dopo le dichiarazioni rilasciate da Valentina Bisti su TeleSetta, la conduttrice aveva tutta l’intenzione di mettere un punto per UnoMattina, desiderosa di fare ritorno al Tg1. Secondo TvBlog, la prossima coppia di conduttori di UnoMattina Estate sembrava essere composta da Alessandro Baracchini e Giorgia Cardinaletti, lasciando Valentina Bisti e Roberto Poletti fino a venerdì 25 giugno. Insieme, ma distanti.

“Condurre in questo modo è stato stancante”, ha affermato a TeleSette Valentina Bisti: “forse perché sono giunta all’undicesimo mese sempre in onda. Tornerò al Tg1”. La conferma arriva oggi. Il programma condotto dalla coppia Bisti-Poletti andrà in onda fino al 26 giugno. Ma come avrà reagito questa volta la Bisti? Lo ha raccontato a Tv Sorrisi e Canzoni, sempre con la sua solita spontaneità. (Continua a leggere dopo la foto).










“Certo, da una parte è una bella soddisfazione, questa sarà l’edizione più lunga di tutta la storia del programma! Ma dall’altra è ormai da un anno che mi sveglio alle 5 di mattina e già pregustavo di recuperare un po’ di sonno arretrato…”. Poi una riflessione su questo periodo di emergenza, vissuto anche dal programma: “Con la quarantena il pubblico è ulteriormente aumentato”. (Continua a leggere dopo la foto).






Un periodo di emergenza che ha modificato anche il mondo della televisione: “Era inevitabile. Oggi il 90% dei servizi sono dedicati al coronavirus, nonostante la difficoltà per i nostri inviati che devono realizzare servizi per strada restando a distanza di sicurezza anche durante le interviste. Persino quando cerchiamo di portare un sorriso con argomenti più leggeri, si parla del virus. Per esempio abbiamo dedicato un’inchiesta alla crisi dei baci in tempo di distanziamento sociale”. (Continua a leggere dopo la foto).



I conduttori si trovano a guidare lo stesso timone, ma distanti. Poletti spiega i motivi di questo cambiamento: “Innanzitutto perché un giornalista deve stare nel centro della notizia, e il cuore dell’emergenza virus, purtroppo, è in Lombardia. E poi perché io sono veneto e al Nord ho vissuto buona parte della mia carriera: restando a Roma mi sembrava di fuggire dalla mia terra in difficoltà. La trasmissione era incentrata sugli ospiti in studio e ora non possiamo averne, fatta eccezione per i colleghi che già lavorano in Rai. Anche i servizi sul campo sono diventati più difficili, ma per fortuna abbiamo una squadra straordinaria di inviati. A volte vorrei essere lì, al posto loro, in strada”.

“Un segno del destino”. UeD, l’Alchimista di Giovanna si svela: cosa sta succedendo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it