“Grazie…”. Ma come?! Massimo Giletti tradito dalle telecamere. Se ne sono accorti tutti in diretta tv


Tra gli ospiti di Massimo Giletti nella nuova puntata di Non è l’Arena anche Giorgio Locatelli. Tra gli altri, anche lo chef e giudice di Masterchef Italia è intervenuto in collegamento con lo studio per parlare della riapertura dei ristoranti nella cosiddetta Fase 2.

Locatelli è apparso scettico sulle misure italiane che dovrebbero garantire le condizioni di sicurezza per la riapertura dei ristoranti: “Un ristorante non era solo cibo, il personale è ambasciatore del prodotto. Se tu togli questo valore emotivo è come avere una macchina senza una ruota”, ha spiegato a Giletti e al pubblico nell’ultimo blocco della trasmissione, che va in onda a tarda notte. E infatti poco dopo il padrone di casa ha salutato: “Grazie Locatelli. Buonanotte, vista l’ora”. (Continua dopo la foto)









E in effetti era mezzanotte e un quarto circa. Ma ai telespettatori più attenti, come sottolinea il sito Tv Blog, non è sfuggito un dettaglio che ha di fatto svelato il trucco della differita del programma: l’orologio al polso di Giorgio Locatelli segnava un orario differente. Le lancette puntavano sulle 18.12 circa e la stanza dalla quale lo chef era in collegamento era inondata da una luce rossa naturale. (Continua dopo la foto)






Come detto Locatelli si trova a Londra, che ha un fuso orario diverso rispetto all’Italia ma non di così tante ore. Cosa è successo allora? Il giallo è presto svelato perché sembra che per Massimo Giletti sia consuetudine effettuare la registrazione dell’ultimo blocco della puntata qualche ora prima rispetto alla messa in onda live. Non certo un escamotage nuovo nel mondo televisivo, soprattutto in programmi dove bisogna far combaciare gli impegni e le esigenze di tutti gli ospiti, specialmente di quelli che intervengono in collegamento. (Continua dopo le foto)



 


Dunque c’è uno stacco tra la parte in diretta del programma, che inizia alle 20.30 circa, e quella registrata e il ‘trucco’ è nascosto nella pubblicità, che viene mandata esattamente a mezzanotte da parte di Massimo Giletti, che quindi ha la perfetta padronanza dei tempi durante il segmento registrato. E solitamente il pubblico da casa non se ne accorge, a patto che, certo, non si incappi in certe disattenzioni come quella dell’orologio dello chef Locatelli.

Sossio Aruta furioso: “Ci vediamo in tribunale”. Cosa è successo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it