“Ho deciso”. Bruno Barbieri lo fa in diretta, fioccano i commenti e non sono tutti positivi


Oggi Bruno Barbieri è lo chef italiano con il maggior numero di stelle Michelin. I suoi piatti spaziano dalla tradizione emiliana alla sperimentazione, con la contaminazione delle culture di tutto il mondo. La sua cucina è caratterizzata da ingredienti di primissima qualità, il suo motto è “Se un piatto è buono, lo è anche con ingredienti semplici”.

Ma oltre che con la cucina, ultimamente Bruno Barbieri si cimenta anche con il taglio dei capelli. Dopo 45 giorni di quarantena infatti ha deciso di fare da solo. Macchinetta e forbicine il risultato del suo lavoro. Con tanto di dedica al suo parrucchiere. Applausi a scena aperta e pioggia di commenti positivi anche se non è mancato chi lo invita a dedicarsi alla cucina. A proposito di capelli, ad attirare l’attenzione sui social era stato anche Antonino Cannavacciulo. Continua dopo la foto









Il video dello chef partenopeo ha sbalordito il popolo dei social, poco abituato a vedere Cannavacciuolo senza trucco, parrucco e luci a definirne l’aspetto a favore di videocamera. In mezzo ai tantissimi auguri lasciati dai followers per il compleanno dello chef, troviamo anche molti consigli e commenti spassionati sul suo look inedito. Continua dopo la foto







Qualcuno non riesce proprio a tollerare i capelli così lunghi: sull’altro versante troviamo invece una folta schiera di fan che mostra il pollice alto per Antonino Cannavacciuolo al naturale. I capelli sbarazzini sembrano ringiovanire e dare un aspetto più snello allo chef che – a detta di alcuni – sarebbe anche dimagrito. Di sicuro c’è che sia per Antonino che per Bruno Barbieri, la quarantena potrà essere l’occasione per pensare nuove creazioni. Continua dopo la foto



 

Visualizza questo post su Instagram

 

Finalmente il momento è arrivato. Dopo 45 giorni in casa ho deciso di tagliarmi i capelli da solo! Come andrà a finire? #iorestoacasa #bellastoria

Un post condiviso da Barbieri Chef (@brunobarbieri_chef) in data:

 


Nato a Medicina, in provincia di Bologna, il 12 gennaio del 1962, dopo essersi diplomato all’istituto alberghiero della sua città, Bruno Barbieri comincia sin da giovanissimo comincia a lavorare come aiuto cuoco sulle navi da crociera, imparando a conoscere le tradizioni culinarie di diverse località. Tornato in Italia, lavora in diversi locali della riviera romagnola, frequentando corsi di cucina anche all’estero. Entra nello staff di importanti ristoranti, come la “Locanda Solarola” di Castelguelfo ed “Il Trigabolo” di Argenta, fino ad aprire e dirigere una propria autonoma attività, l”Arquade” di San Pietro in Cariano. Autore di numerosi libri di cucina, tra cui: “Tegami”, “L’uva nel piatto“, “Squisitamente senza glutine”, “Polpette, che passione!”, “Cipolle buone da far piangere”, “Ripieni di bontà e “Cerco sapori in piazza Grande”. Il successo lo ottiene grazie alla televisione, nel 2011 viene scelto come uno dei giudici della prima edizione italiana di MasterChef, in onda su Sky Uno, insieme a Joe Bastianich, Carlo Cracco e Antonino Cannavacciuolo.

Ti potrebbe interessare: “Fatica, arrabbiature e gelosie”. Caterina Balivo, il post sul marito è una bomba. Cosa è successo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it